Skip to content

''Amleto'', tragedia del desiderio. Interpretazioni a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Pontillo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Rosalba Galvagno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 227

Con tale lavoro, si è voluto tracciare un percorso interpretativo dalla genesi della tragedia di Shakespeare, 'Amleto', fino alle ultime importanti acquisizioni per la sua comprensione apportate dalla psicoanalisi, e in particolare da Jacques Lacan.
L’elaborato consta di quattro capitoli: il primo, introduttivo, approfondisce brevemente la genesi della tragedia di Amleto da un punto di vista filologico-testuale e storico. Nei restanti capitoli, invece, si affrontano, secondo la linea tematica suggerita da Ernest Jones nel suo importante lavoro intitolato 'Amleto ed Edipo', le vie interpretative più importanti che nei secoli si sono avvicendate a proposito dell’'Amleto': soggettiva, oggettiva e psicoanalitica. Poiché l’interpretazione dell’'Amleto' che ha segnato una svolta in questo processo ermeneutico è stata appunto quest’ultima, la candidata ha affrontato in particolare le teorie interpretative di S. Freud e J. Lacan. L’analista francese, specialmente, non solo ha reso conto della carica eversiva dei concetti freudiani attorno all’Amleto, e cioè la scissione dell’io, la centralità del desiderio inteso come energia psichica attiva, l’esistenza del complesso edipico quale fenomeno comune e universale in tutti gli uomini e delle conseguenze della sua rimozione, cioè la nevrosi, ma è andato oltre: Lacan, infatti, con la sua interpretazione, ha messo in luce come l’Amleto possa fungere da modello, paradigma, per tracciare la struttura del desiderio dell’uomo.
La candidata, con il suo lavoro, si prefigge dunque di dimostrare l’importanza dell’apporto fornito dalla psicoanalisi nell’interpretazione di questa tragedia e del suo protagonista, il quale è entrato nella mitologia in virtù del fatto che si presenta come il paradigma della nevrosi e del desiderio, e che comunica con il linguaggio dell’inconscio, comune a tutti gli uomini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VI INTRODUZIONE L‟opera che narra il dramma del principe Amleto fu iscritta nell‟albo della corporazione dei cartolibrari ed editori inglesi, il cosiddetto “Stationers‟ Register”, il 26 luglio 1602. Da allora, innumerevoli critici, letterati, psicologi e altri studiosi si sono cimentati nel complesso quanto affascinante compito di interpretare e comprendere questa tragedia. L‟interpretazione è un processo impegnativo, ma lo diventa ancora di più se viene applicata a un‟opera teatrale, che possiede un suo specifico sistema semiotico e, in particolare, all‟Amleto di William Shakespeare, drammaturgo dell‟Inghilterra elisabettiana. Si tratta, infatti, di un‟opera enigmatica, che ha offerto – e continua a farlo – numerosissimi spunti di riflessione, spesso molto diversi tra loro o in aperto contrasto, sotto vari punti di vista: letterario, linguistico – retorico, teatrale, psicologico, storico, e via dicendo. Da una lettura superficiale dell‟opera, ne ricaviamo l‟idea che si tratti di una tragedia della vendetta: il padre di Amleto, re di Danimarca, è stato ucciso da suo fratello, Claudio. Quest'ultimo sottrae i diritti di successione di Amleto figlio, appropriandosi a sua volta della corona e della moglie di Amleto padre. Lo spettro di Amleto padre rivela tutta la macchinazione al figlio e gli lascia il compito di vendicare l'omicidio, l‟usurpazione e l'adulterio. Ma l‟Amleto è molto più di questo: non per niente è una delle opere letterarie più conosciute al mondo, è stata tradotta in quasi tutte le lingue, ed è sicuramente l'opera shakespeariana che è stata rappresentata al teatro e al cinema con maggior frequenza e successo. Il fenomeno della tragedia di Amleto è qualcosa di unico nella letteratura occidentale: essa, infatti, è ormai così conosciuta che abbiamo l‟impressione di averla già letta, anche quando la affrontiamo per la prima volta. È un‟opera che non smette di richiamare a sé il pubblico e di destare interesse nella critica, e che non cessa di essere interpretata e interrogata. Soprattutto ci si è chiesti, e ci si continua a chiedere, perché Amleto, nonostante tutto lo spinga ad agire, a vendicare la morte dell‟amato padre per mano dello zio usurpatore Claudio,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi