Skip to content

Rai e il format. Un'analisi economica e giuridica

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Piccoli
  Tipo: Tesi di Master
Master in Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media
Anno: 2009
Docente/Relatore: Fabiola Massa
Istituito da: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

Il format è un bene riconosciuto e tutelato nella prassi commerciale, oggetto di un volume di affari di livello internazionale sempre più elevato, ma che il legislatore e la giurisprudenza non hanno tuttora ritenuto esplicitamente meritevole di tutela.
La questione circa la tutelabilità del format ha scatenato un ampio dibattito a livello di associazioni di categoria, dottrina, e legislazione che hanno condotto all'accettazione della dichiarazione presso la sezione DOR (Drammatica, Operette e Rivista) della SIAE delle opere comunemente denominate Format (di cui la SIAE stessa ha fornito una precisa definizione), destinate alla utilizzazione sia radiotelevisiva (ai meri fini probatori) e al disegno di legge Carlucci-Giulietti che allo tuttavia non ha avuto sinora sviluppi concreti.
Proteggere il format non significa però proteggere l'idea, ma la “ricetta”, ovvero l'insieme degli elementi invariabili che costituiscono un prototipo di programma TV. Esso può essere riconosciuto ai fini della tutela giuridica laddove sia classificabile come “opera incompleta”, cioè come opera dell’ingegno costituita da alcune parti perfettamente compiute e da altre ancora non del tutto elaborate. È un'analisi che va fatta dunque caso per caso.
Il format è nato con la televisione e la Rai, ed importante dunque, prima di acquistare i diritti di sfruttamento di un determinato format da una società esterna, che si consultino gli archivi di Rai Teche per verificare se già sono stati realizzati programmi uguali o analoghi, così come è auspicabile una maggiore autonomia produttiva da parte dell'emittente televisiva in maniera tale da ridurre i costi totali di produzione in maniera tale di creare una library aziendale più ricca e poter utilizzare al meglio le proprie risorse umane in senso creativo.
La mia esperienza di stage si è svolta presso la Direzione Amministrativa/Ufficio Affari Fiscali della Rai Radiotelevisione Italiana. In questo ufficio ho potuto conoscere e affrontare le problematiche “burocratiche” relative in particolare alla comunicazione interna in un'azienda, approfondire gli aspetti giuridici e fiscali, le criticità di tipo contrattuale concernenti la produzione, la gestione del personale e le transazioni giudiziarie. Le competenze acquisite si legano soprattutto all'aggiornamento relativo alla normativa, alla giurisprudenza e alla prassi in materia fiscale, allo studio dei contratti con particolare riferimento al trasferimento ai diritti e alle prestazioni di servizi nel settore radiotelevisivo.
Ai fini della corretto inquadramento dell'oggetto del trasferimento, il format è stato analizzato in collaborazione con la Direzione Risorse Televisive. Infatti, in materia fiscale è fondamentale individuare l'oggetto del contratto, le caratteristiche tecniche e giuridiche, nonché la territorialità e la collocazione temporale della transazione, al fine di applicare il corretto trattamento fiscale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. - Il rilievo economico e commerciale dello sfruttamento del format televisivo Il termine “format” in ambito televisivo 1 è stato inizialmente associato ai programmi seriali 2 ed può essere considerato come l'insieme degli elementi invariabili all'interno di ciascun episodio di questo tipo di programmi, a partire dal quale produrre elementi variabili 3 . In sostanza si tratta di un'idea da completare, che nei mercati televisivi si suole distinguere in due diverse categorie di format: – il “paper format”: uno schema di programma mai realizzato, neanche in un numero zero o in un programma; – e il “format”: uno schema di un programma che ha avuto almeno una rappresentazione in una forma esterna riconoscibile. Il format può essere oggetto di tutela giuridica e, di conseguenza, di sfruttamento commerciale da parte dei titolari dei diritti. Più esso viene rappresentato in una forma esterna riconoscibile, nel qual caso maggiori sono le possibilità di identificarlo e tutelarlo. È possibile dunque identificare negli archivi televisivi uno strumento utile per contestare un format simile a programmi già trasmessi presenti in archivio. La dottrina giuridica prevalente definisce il format come lo schema di base di un programma, o di una serie di trasmissioni facenti parte di un ciclo coordinato che individua compiutamente i caratteri identificativi del programma e della serie 4 . Il concetto di «format» è riferibile a prodotti che appartengono al mondo delle opere televisive, ma anche a quello dei programmi radiofonici e degli spettacoli di diversa natura la cui realizzazione sia stata effettuata utilizzando uno schema di base altrui 5 . Il format può essere considerato sia un bene che un servizio. Si parla di format-bene quando il titolare non agisce in forma organizzata e con i canoni dell'impresa 6 , e di format-servizio quando è concesso in licenza nell'ambito (e quale prodotto) di un'attività d'impresa. L'outsourcing è divenuta la pratica più utilizzata oggi sia in Italia che all'estero tramite l'appalto. Ciò è conseguenza della forte crescita dell'offerta televisiva che ha dato luogo a un incremento della domanda di programmi pensati per catturare gli ascolti 7 . La prima e fondamentale ragione dell'acquisto di format da parte di 1 Il neologismo «format» non può essere disgiunto dall'aggettivo «televisivo», in quanto l'uso del termine «format» è in funzione delle attività di realizzazione di programmi destinati al mercato televisivo. V. FABIANI, M., Per una tutela del format televisivo, in Bollettino SIAE, Roma, 2002, n. 3, pp. 69-70. 2 Così PERRETTI, F.-NEGRO, G., Il caso Grande Fratello, Milano, 2001. 3 DEMATTÈ, C.-PERRETTI, F., L'impresa televisiva. Principi economici e variabili strategiche, Parma, 2002, p. 93. 4 MARI, G., La protezione del «format» nel sistema della legge sul diritto d'autore. Una riunione del gruppo italiano dell'ALAI, in Il diritto di autore, 2007, p. 89. 5 MARI, G., La protezione …., cit, p. 90. 6 OPPO, G., Principi, in Trattato di diritto commerciale, diretto da V. BUONOCORE, sez. I, t. I, Torino, 2001, pp. 48-51. 7 PROSPERETTI, E.-TOZZI, F.-VISCO COMANDINI, V., I format televisivi tra acquisto di know how e tutela della proprietà intellettuale, in Il diritto dell'informazione e dell'informatica, 2007, pp. 1-36. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi