Skip to content

Conflitti interreligiosi e strategie del terrore

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Oliva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Davide Barba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

Il presente lavoro ha perseguito l’intento di delineare quali potessero essere i motivi di tensione e gli elementi disfunzionali che inducono la religione ad essere una fonte di divisione, di contrasto, di violenza indiscriminata, nei casi più estremi.
Per poter comprendere l’importanza del fenomeno religioso all’interno dei rapporti interpersonali e dei contesti sociali, era necessario stabilire le sue funzioni, le sue peculiari caratteristiche, il suo percorso di nascita, sviluppo, affermazione nel mondo.
Da ciò è emerso un rapporto di stretta interdipendenza tra la religione e la società. La religione è infatti l’elemento in grado di garantire ad essa una stabilità nel tempo, poiché implica fortemente il concetto di comunità e di condivisione. La nascita della religione ci mostra come essa sia una esigenza dello spirito, una condizione irrinunciabile dell’uomo che, oltre ad essere vissuta singolarmente, deve poter essere condivisa per rafforzarne l’essenza. La religione ha la capacità di mitigare le frustrazioni umane, di offrire una risposta agli interrogativi inquietanti dell’esistenza, di risollevare gli animi garantendo una speranza ultraterrena.
La religione, inoltre ha la forza di consolidare il gruppo, di fornire agli individui un’identità che dia loro la possibilità di autodefinirsi e percepirsi.
Poiché la necessità del sacro e del trascendente investe tutta l’umanità, è inevitabile che i vari popoli della terra, abbiano ricercato le risposte agli interrogativi dell’esistenza in modo diversificato in base alle esigenze. Il filtro etnico e culturale, la collocazione geografica delle popolazioni, hanno contribuito a dar vita ad un gran numero di proliferazioni di fede.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Conflitti interreligiosi e strategie del terrore Introduzione - 4 - Introduzione Parlare di religione, o meglio, di religioni, è di sicuro un arduo compito: la complessità del fenomeno e la molteplicità delle forme e delle espressioni a cui esso fa riferimento, comportano inevitabilmente un numero illimitato di considerazioni e approcci; questi permettono di cogliere il senso ma, soprattutto il ruolo, che la religione svolge all’interno dei contesti sociali. Attualizzando il concetto possiamo riflettere su una dimensione religiosa destinata a modificarsi poiché in stretta relazione con una società in trasformazione. Nonostante siano caratterizzate da processi di laicizzazione, le società, infatti, sembrano costituirsi sul concetto di religione e sulla volontà di affermare la dipendenza dell’uomo dalla divinità. L’importanza del fenomeno religioso riguarda anche il posto di rilievo che esso occupa nelle dinamiche conflittuali moderne, oggetto privilegiato di questa trattazione. Prendendo in considerazione alcune teorie classiche appartenenti alla sociologia delle religioni, come, ad esempio, quella funzionalista 1 di Durkheim, possiamo considerare il fenomeno religioso come interdipendente dalla società nella quale ha la possibilità di affermarsi e diversificarsi. Per Durkheim, infatti, la religione è l’elemento in grado di creare integrazione e coesione sociale, funzionale alla sopravvivenza della società stessa; essa è il frutto della coscienza collettiva, intesa come «l’insieme delle credenze e dei sentimenti comuni alla media dei membri di una stessa 1 La concezione funzionalista risolve la religione e la sua essenza richiamando, esplorando e interpretando la funzione che essa assolve con riguardo alla società nel suo complesso, in termini di stabilità e di autocoscienza, ai gruppi sociali, specialmente primari come la famiglia, e agli individui stessi. Cfr. FRANCO FERRAROTTI, “ Il contributo dei classici”, in AA.VV. Sociologia della religione, a cura di Domenico Pizzuti, Borla s.r.l., Roma 1985, cit, p. 33.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondamentalismo
glocal strategy
jih?d
jihad
radicalismo religioso
religione
terrorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi