Skip to content

Il senso di colpa nell'opera di Sigmund Freud con cenni kleiniani

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Cocchetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Silvia Finzi Vegetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

Nel corso della nostra indagine abbiamo ritenuto opportuno chiarire il problema della scoperta e del significato metapsicologico del senso di colpa come ‘sentimento inconscio di colpa’. Si è poi affrontato l’interrogativo circa l’origine del senso di colpa nella duplice prospettiva, filogenetica ed ontogenetica, tracciata da Freud, nonché il rapporto tra senso di colpa e moralità. Abbiamo cercato di definire con maggiore precisione gli stretti rapporti che intercorrono fra il senso di colpa e le principali manifestazioni pulsioni implicate nell’ambivalenza affettiva. Riguardo al problema dell’aggressività, dopo un percorso che prende in esame non solo le dinamiche dell’impasto e del disimpasto pulsionale, ma anche i fenomeni del sadismo e del masochismo, abbiamo potuto approdare ad una più chiara definizione del nesso tra aggressività e senso di colpa; nesso che si rivela nel masochismo morale, nel bisogno di punizione e nel narcisismo morale. Altro tema fondamentale che ci ha permesso di valutare meglio il peso del senso di colpa nella metapsicologia freudiana è il problema dell’angoscia. Ne abbiamo quindi ricostruito le tappe di pensiero per giungere alla formulazione dell’ipotesi di una angoscia come realtà di fondo di cui lo colpa costituisce una prima forma, per quanto vaga e oscura, di interpretazione. L’ultimo capitolo, esprime in un certo senso la sintesi dei fenomeni trattati, aspetti psicodinamici che convergono nella definizione del rapporto tra Io e Super-io.
Partendo dalle feconde intuizioni di Freud, abbiamo ritenuto opportuno integrare ogni capitolo del presente lavoro con i fondamentali apporti teorici tratti dal lavoro di Melanie Klein, precorritrice della psicoanalisi moderna. Allieva e seguace dello stesso Freud, vedremo come le sue formulazioni costituiscano per certi versi un ulteriore sviluppo delle idee del maestro e per altri uno scostamento innovativo.
L’ipotesi che sosterremo è che la colpevolezza teorizzata dai nostri autori, non è un mito o un semplice significante, ma piuttosto....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Misurare la portata psichica del senso di colpa inconscio nei processi psichici che accompagnano lo sviluppo della personalità, è l‟obiettivo eminente del presente lavoro. A tal fine, esaminando le questioni teoriche di maggior rilievo, si è cercato di seguire Freud nei suoi tentativi di elaborare una descrizione ed una spiegazione metapsicologica del senso di colpa così come egli l‟ha incontrata nel corso della sua esperienza clinica. La colpa si muove lungo complicati percorsi sia nell‟interiorità di ognuno, sia nei suoi itinerari sociali, giuridici e religiosi. L‟essere umano è l‟unico capace di creare simboli, ma è anche il solo animale che possa affermare di sentirsi in colpa. L‟azione perturbante della psicoanalisi consiste nell‟aver infranto i codici costituiti per addentrarsi nel complesso articolarsi della nostra natura animale, con le sue pulsioni, i suoi bisogni e desideri, e con la sua impotenza e fragilità di fondo, nell‟articolarsi di tutto questo con la capacità che gli individui hanno di prendere decisioni, con le risposte della famiglia, della cultura e della società che tutti incontriamo sin dall‟inizio della vita. 1 La scoperta dell‟inconscio dinamico, grazie alla quale Freud poteva affermare che il nostro Io non è così libero come tutti noi vorremmo credere, sembra aderire alla prospettiva secondo la quale il clinico non può „giudicare‟ il paziente. Il giudizio è incompatibile con il desiderio di comprenderlo e curarlo. Dunque, che la colpa non debba essere oggetto di giudizio è un principio che può essere colto anche nell‟idea che fa della colpa un „errore‟. Ma parlare di „errore‟ non implica sempre una visione deterministica degli atti umani. La colpa, potremmo dire, ha acquistato la forza della categoria mentale. Entrato ormai nel lessico familiare, nella struttura stessa del linguaggio, per altri 1 F. Petrella, “Polisemia clinica e strutturale dei sentimenti di colpa” (1990), in Turbamenti affettivi e alterazioni dell‟esperienza, Cortina, Milano 1993, pp. 316 sg.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambivalenza affettiva
angoscia
castrazione
desessualizzazione
disimpasto pulsionale
filogenesi
libido
masochismo
morale
narcisismo
nevrosi
ontogenesi
peccato
principio di piacere
psicopatologia
pulsione di morte
rappresentazione
rimozione
sadismo
schizo-paranoide
senso di colpa
sessualità
sublimazione
trauma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi