Skip to content

Comorbilità tra patologia borderline e tossicodipendenza

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Servi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Cristina Esposito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

È possibile considerare i casi limite come delle astrutturazioni: si tratta di organizzazioni fluttuanti e imprecise che, pur raggiungendo un assestamento non ottengono mai quelle caratteristiche di stabilità che contraddistinguono organizzazioni veramente strutturate.
Secondo Bergeret, il bambino futuro borderline, nel periodo iniziale dell’Edipo, viene travolto da un fatto reale del contesto che corrisponde a un turbamento pulsionale intenso sopraggiunto in uno stadio troppo poco maturo per potervi far fronte (primo disorganizzatore): il bambino si troverà a far ricorso a meccanismi di difesa arcaici (Scissione e id. proiettiva) per fronteggiare tutto il materiale sessuale e aggressivo che non è stato accolto e signifificato.
Tale trauma è paragonabile all’inadeguatezza dell’oggetto che soddisfa e significa le tensioni legate ai bisogni del bambino, che si traduce nelle scorrette e poco contenitive risposte materne, nel fallimento delle funzioni di rispecchiamento e significazione, nell’incapacità da parte della madre di restituire al bambino elementi psichicamente adatti alla sua vita mentale, ed è responsabile dell’insorgere delle patologie al limite.
L’analisi della sintomatologia più tipica della patologia borderline e delle condotte tossicomaniche mi ha spinto a considerare l’esistenza di una eventuale comorbilità tra le due
Il consumo di sostanze si dimostra essere uno dei sintomi caratterizzanti la patologia borderline e inoltre l’analisi dei comportamenti tossicomanici ha permesso di evidenziare aspetti comuni alla patologia borderline, tanto da spingere diversi autori a parlare di doppia diagnosi…

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “ Per droga psichica è da intendersi tutto ciò che, derivato da un’esperienza di completa soddisfazione, permette all’individuo da bambino l’illusoria convinzione di poter fare a meno delle cure materne e, da adulto, lo spinge vanamente alla conquista dell’immortalità ” (Scarnecchia, M., 1999, p. 17). Una stimolante esperienza di tirocinio svolta presso una comunità per il recupero dei tossicodipendenti ha sviluppato in me l’interesse per le dinamiche che caratterizzano i comportamenti di abuso. L’analisi della sintomatologia più tipica di tali condotte mi ha condotto a ipotizzare l’esistenza di un’eventuale comorbilità tra a patologia borderline e i comportamenti di addiction, e che quindi fosse possibile far rientrare questi ultimi a pieno titolo all’interno dell’ambito delle “ psicopatologie affrontabili o addirittura descrivibili con un’ottica psicoanalitica” (Scarnecchia, M., 1999, p. 18), dal momento che esse presentano tratti sintomatici riscontrabili anche nelle manifestazioni più tipiche dei casi limite. Il primo capitolo del mio lavoro offre una panoramica generale sul concetto di caso limite a partire da Freud (1915, 1937) con particolare riferimento alla teoria di Bergeret (1974): l’autore considera i casi limite delle astrutturazioni, intendendo con questo termine definire un’organizzazione fluttuante e imprecisa che, pur raggiungendo un assestamento, non ottiene mai quelle caratteristiche di solidità e di specificità definitiva che caratterizzano al contrario organizzazioni strutturate, quali nevrosi e psicosi. Si tratta di pazienti vittime di inadeguatezze da parte dell’oggetto dell’appoggio, le quali non hanno permesso la corretta significazione del bisogno del bambino e sono responsabili di un’” emorragia energetica ” (Conrotto, F., 2000, p. 178) e di una frammentazione dell’Io che impediscono sani investimenti sull’oggetto e determineranno l’instaurarsi di un regime economico egemonizzato dalle pulsioni di morte (Green, A., 1990, p. 68 sg.). Il secondo capitolo affronta il concetto di comorbilità tra patologia borderline e condotte tossicomaniche, partendo dalla constatazione che il consumo di sostanze rappresenta uno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borderline
buco
caso limite
controtransfert
dipendenza
doppia diagnosi
introiezione
patologia
scissione
sensorialità
tossicodipendente
tossicodipendenza
vuoto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi