Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'utilizzo del Metodo Feuerstein nella prevenzione della dispersione scolatica. La sperimentazione del Programma di Arricchimento Strumentale (P.A.S.) in tre scuole di Sassari.

Nel presente lavoro è stato analizzato il problema della dispersione scolastica e le relative cause. Il fulcro del lavoro è dato dall'analizzare il Metodo Feuerstein come strumento per la prevenzione della dispersione scolastica.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione Il presente lavoro, affronta il tema della dispersione scolastica e l‟utilizzo del “Metodo Feuerstein” come strumento di contrasto. Il primo capitolo verte proprio sul tema della dispersione scolastica e su tutte le cause che la determinano, analizzando anche il ruolo svolto da insegnanti genitori e gruppo-classe nel percorso di formazione di ogni ragazzo. Molto spesso gli insuccessi scolastici, sono anche il risultato di carenti attività e abilità cognitive che ne ostacolano l‟apprendimento: quest‟ultimo tema e quello dell‟intelligenza, sono sviluppati rispettivamente nel terzo e secondo capitolo, del presente lavoro. L‟istituzione scolastica oggi, partendo dall‟individualità di ogni ragazzo, può aiutare, anche e soprattutto quelli che apparentemente si presentano come “difficili”, a migliorare il loro livello di apprendimento con una modificazione a livello cognitivo, portando alla luce, quelle potenzialità che spesso rimangono latenti e nascoste, perché non stimolate nel modo giusto, che provocano nel ragazzo una scarsa autostima nel riuscire a svolgere i compiti assegnati, e quindi l‟unico modo per potersi sentire “qualcuno in grado di fare qualcosa”, è quello di andare contro l‟istituzione scolastica e le persone che girano intorno ad essa: docenti, genitori, e gruppo-classe. La modificabilità cognitiva e l‟apprendimento mediato, sono elementi che caratterizzano il “Metodo Feuerstein”, affrontato nel quarto capitolo. I sistemi applicativi, analizzati, sono tre: il PAS (Programma di Arricchimento Strumentale), l‟LPAD (Valutazione dinamica del potenziale di apprendimento) e il Modellamento di Ambienti Modificanti. Tutti e tre i sistemi si propongono di apportare nei ragazzi dei cambiamenti cognitivi durevoli nel tempo, con una serie di stimoli per affrontare al meglio sa il proprio percorso scolastico, ma anche quello sociale. Il Metodo Feuerstein è stato sperimentato, grazie al Progetto “Trasversal-mente”, finanziato dalla Regione Sardegna, in tre istituti di Sassari: la Scuola Media 4+6 “E. Costa - G. Deledda”, la Scuola Media 7+9 “Gramsci - -Manzoni” e l‟Istituto Professionale per i Servizi e il Turismo “Giovanni XXIII”, le quali, attraverso il Metodo Feuerstein, hanno cercato di ridurre la dispersione scolastica e aumentare

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elena Ruiu Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2713 click dal 13/04/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.