Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi di rumore procedurale per la Computer Grafica

Questa tesi vuole presentare uno studio su alcuni algoritmi di sintesi di rumore procedurale per la Computer Grafica, per classificarli in base all'efficienza e alla qualità dei risultati ottenuti. In particolar modo lo studio verrà affrontato attraverso la realizzazione di un applicativo in grado di riprodurre due dei più famosi algoritmi di sintesi di rumore procedurale, al fine di ottenere delle immagini che potranno essere poi utilizzate per vari scopi. Il software prodotto nel periodo di tesi è un applicativo in due sottosezioni, l'una dedicata allo studio e all'esecuzione dell'algoritmo di Perlin, e l'altra allo studio e all'esecuzione dell'algoritmo di
Lewis.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Texture mapping e Rumore Il rumore rappresenta un aspetto essenziale per la modellazione e l'applicazione delle textures, attraverso il quale è possibile generare textures interessanti e applicarle successivamente ad una superficie. In generale, il rumore è un segnale, di origine naturale o artificiale, che si sovrappone all'informazione trasmessa o elaborata in un sistema. In Computer Grafica, invece, il rumore consiste di un dettaglio aggiunto ad una immagine precalcolata, in modo da conferirle un aspetto più naturale e realistico. 2.1 Texture mapping Il texture mapping in computer grafica è un metodo per aggiungere dettagli, immagini di superficie o colori ad immagini generate al computer o ad un modello 3D. La texture, se applicata ad un modello poligonale creato con un programma di grafica 3D, rende il modello più realistico; inoltre, la sovrapposizione di più texture è utilizzata, ad esempio, per creare degli effetti speciali nei modelli tridimensionali, come luce e nebbia. I pixel da visualizzare sullo schermo, calcolati a partire dai textel (i pixel della texture), vengono governati dal filtro della texture. Il metodo più veloce è quello dell'interpolazione lineare per ridurre l'aliasing (distorsione) e quindi aumentare la qualità complessiva dell'immagine. L'applicazione della texture sul modello tridimensionale è compito della scheda video. Le texture sono molto usate nel campo dei videogiochi e nel cinema, soprattutto nei film di animazione. Una texture può provenire da una immagine precalcolata o fotografica oppure può essere calcolata "al momento" dalle applicazioni (texture procedurale). 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Luigi Claudio Viagrande Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 870 click dal 31/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.