Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un Premio al coraggio delle donne. La Fondazione Marisa Bellisario

Uno sguardo sulle differenze di genere. La storia della Fondazione Marisa Bellisario che da venti anni premia giovani e meno giovani donne per la loro carriera.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Prefazione “Un incontro Fortunato” Era il 18 Ottobre del 2010, quando incontrai Lella Golfo, per ragioni che esulano dalla tesi che sto per presentarvi. Golfo mi propose di andare a visitare la Fondazione Marisa Bellisario, di cui è ispiratrice e attuale Presidente; accettai, anche se ignoravo che tipo di associazione fosse e di cosa realmente si occupasse. Fu così che entrai per la prima volta alla Fondazione Marisa Bellisario. Rimasi subito estasiata; osservavo le grandi stanze, le porte, enormi e un po’ invecchiate, davano un senso di grandezza e imponenza a quel posto. Seguivo la presidente e la sua voce mi attraversava dentro come un’eco. Entrammo nel suo studio e Golfo mi fece accomodare. Davanti a me vidi un’ampia scrivania ricoperta di libri, appunti, fogli, depliant e un personal computer, sulle pareti, notai la presenza di diversi riconoscimenti e qualche foto (una in particolare mi colpì molto, raffigurava Lella Golfo a New York; la stessa foto la ritrovai qualche giorno dopo, durante la lettura dei documenti della vita di Marisa Bellisario, c’era una foto molto simile, che ritraeva la giovane manager). Da qui in poi, comincia il mio interesse per una storia che è lunga venti anni, ma possiede ancora la freschezza e la vitalità di un tempo che non ha scalfito le conquiste, i successi, le grandi passioni: è la storia della Fondazione Marisa Bellisario.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Alessia Barreca Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 855 click dal 07/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.