Skip to content

La nuova disciplina processuale del segreto di Stato

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Di Lorenzo Sarappa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Guido Pierro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 449

Il segreto è tradizionalmente considerato come una categoria gnoseologica che pone su due piani completamente separati governanti e governati: gli uni dispongono della conoscenza; gli altri conoscono solo ciò che è loro rivelato. Tra le varie tipologie di arcana, il segreto di Stato rappresenta senza dubbio quello più delicato, posto che interagisce necessariamente con i valori e i principi che rappresentano le più alte conquiste delle società democratico-costituzionali. Ne deriva, come ovvia conseguenza, l'urgenza di collegare in maniera inequivoca l'istituto a fondamentali e irrinunciabili canoni costituzionali, in modo da rendere equa e “bilanciata” la compressione di diritti, garanzie e funzioni che pure trovano fondamento nella Carta Fondamentale, in particolare, il diritto della informazione e, soprattutto, la funzione di accertamento giudiziale.
L'esigenza di apprestare una risposta alle sempre più pressanti istanze di rinnovamento del segreto di Stato - rinnovatisi a seguito del verificarsi di torbide vicende giudiziarie, che hanno, da un lato, evidenziato un frequentissimo abuso dell'istituto da parte degli organi politici, da un altro, la “tendenza” della magistratura a forzare indebitamente le sfere di segretezza pur legittimamente apposte – ha condotto, dopo una gestazione di oltre trent'anni, all'approvazione della legge 3 agosto 2007, n. 124, intitolata “Sistema di Informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto”.
La legge incide in maniera energica sulle procedure politico-amministrative di apposizione e sul rapporto segreto-servizi segreti, soffermandosi, infine, anche se in maniera piuttosto confusa, sulle interrelazioni tra processo penale e opposizione degli arcana imperii, nel tentativo di creare un sistema unitario che potesse far emergere in maniera chiara e limpida i confini dell'azione degli organi giudiziari allorquando venga ad intrecciarsi con con un segreto di Stato e/o con l'attività dei servizi segreti. Tuttavia, le problematiche emerse nel corso della vicenda “Abu Omar” - il cui epilogo è stato altamente politicizzato per la salvaguardia dei rapporti internazionali - dimostrano come sia altamente improbabile ricostruire, alla luce della predetta legge 124 del 2007, un ragionevole “sbarramento” al processo penale dovuto all'opposizione degli arcana imperii, con la conseguenza che, ancora oggi, risulti difficile affermare fino a che punto le esigenze di tutela della salus rei publicae possano legittimamente ostacolare il regolare corso dell'attività della magistratura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 PREFAZIONE. Datata 24 ottobre 1977, n. 801, la legge allora tanto attesa, recante in diciannove stringati articoli la ‖Istituzione e ordinamento del servizio per le Informazioni e la sicurezza e la disciplina del segreto di Stato‖, stava per compiere i trent'anni di vita, quando, il 12 ottobre del 2007, l'entrata in vigore della legge 3 agosto 2007, n. 124, intitolata ―Sistema di Informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto‖, con i suoi quarantasei articoli, ne ha sancito l'abrogazione, fatte salve, in via provvisoria, alcune parti di ordine strutturale bisognose di specifica regolamentazione. Sebbene sia da annoverarsi tra le più brevi della storia, la XV legislatura è riuscita, quindi, nel difficile compito di varare la riforma dei servizi di intelligence e del segreto di Stato, fornendo finalmente una risposta alle sempre più pressanti istanze di rinnovamento di un sistema che, a partire dalla metà degli anni '90, ha cominciato ad evidenziare tutte le sue carenze strutturali. Un intervento del legislatore in questo settore era, invero, atteso da lungo tempo e reclamato da più parti, con toni che si erano fatti via via più insistenti. Alla base di queste esigenze, così fortemente avvertite, oltre alla constatazione che la legge n. 801 del 1977 era sostanzialmente incompleta, vi era una pluralità di fattori. La fine della guerra fredda e la sconfitta del fenomeno terroristico degli anni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abu omar
acquisizione
apposizione
arcana imperii
causa di giustificazione
classifiche di segretezza
corte costituzionale
diritto di difesa
divieto probatorio
elementi di prova
eversione ordine costituzionale
fatti eversivi
legge n. 124/2007
opposizione
processo penale
sbarramento
segreto
segreto di stato
servizi segreti
silvio berlusconi
utilizzazione
villa certosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi