Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nanoparticelle lipidiche solide per la veicolazione di flurbiprofen al sistema nervoso centrale

Negli ultimi anni le scoperte in campo scientifico e la produzione di nuovi materiali hanno iniziato a rivestire un ruolo fondamentale nello sviluppo di nuove tecnologie e nella realizzazione di dispositivi con prestazioni avanzate. Chimici, biochimici, biologi e medici stanno guardando oltre i tradizionali polimeri per trovare dei sistemi innovativi per il trasporto di farmaci. Le prospettive rivoluzionarie associate alla nanotecnologie derivano dal fatto che, a questi livelli di dimensioni, i comportamenti e le caratteristiche della materia cambiano drasticamente e le nanotecnologie rappresentano un modo radicalmente nuovo per ottenere materiali, strutture e dispositivi con proprietà e funzionalità migliori o del tutto nuove. A tale scopo in campo farmaceutico, insieme alle tradizionali strategie di sintesi di nuove molecole, recentemente è diventato sempre più importante lo sviluppo di nanotecnologie per la veicolazione di farmaci già esistenti.
I vantaggi che derivano dalla tecnologia farmaceutica sono dunque rivolti alla possibilità di ottenere dei sistemi idonei al trasporto di farmaci direttamente nelle vicinanze del sito recettoriale (site targeting) e con una cinetica di rilascio di farmaco modificata rispetto a quella della forma “libera”. Tali sistemi sono definiti come Targeted Drug Delivery Sistems o TDDS, cioè sistemi non convenzionali per il rilascio dei principi attivi.
Una delle applicazioni elettive delle nanotecnologie in ambito farmaceutico riguarda difatti la realizzazione di formulazioni caricate con farmaci che consentano un rilascio controllato e/o direzionato, in modo tale da superare la loro difficoltà a raggiungere il sito d’azione. Nello stesso tempo tali sistemi diminuiscono drasticamente il rischio di una distribuzione indiscriminata in diversi organi dove non è necessaria l'azione terapeutica, limitando in questo modo la comparsa degli effetti collaterali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Negli ultimi anni le scoperte in campo scientifico e la produzione di nuovi materiali hanno iniziato a rivestire un ruolo fondamentale nello sviluppo di nuove tecnologie e nella realizzazione di dispositivi con prestazioni avanzate. Chimici, biochimici, biologi e medici stanno guardando oltre i tradizionali polimeri per trovare dei sistemi innovativi per il trasporto di farmaci. Le prospettive rivoluzionarie associate alla nanotecnologie derivano dal fatto che, a questi livelli di dimensioni, i comportamenti e le caratteristiche della materia cambiano drasticamente e le nanotecnologie rappresentano un modo radicalmente nuovo di produrre per ottenere materiali, strutture e dispositivi con proprietà e funzionalità grandemente migliorate o del tutto nuove. Per raggiungere tale scopo in campo farmaceutico, insieme alle tradizionali strategie di sintesi di nuove molecole e mescolamento di sostanze, recentemente è diventata sempre più importante quella basata sulla riduzione di sostanze ben note allo stato di nano particella. Questo perché in tali condizioni i materiali, che essi siano sistemi organici o inorganici, subiscono profonde variazioni della loro struttura elettronica e conseguentemente delle loro proprietà chimico fisiche. Inoltre, effetti di confinamento, adsorbimento di specie chimiche alla superficie della nanoparticella, l’elevato rapporto superficie/volume sono ulteriori fattori responsabili del loro comportamento. Ovviamente, anche la recente tendenza a realizzare complessi dispositivi miniaturizzati può trarre vantaggio dallo sviluppo di adeguate metodologie di sintesi di nanomateriali. I vantaggi che derivano dalla ricerca farmaceutica e dall’affinamento delle tecniche produttive sono dunque rivolti alla possibilità di ottenere dei sistemi farmaceutici funzionali al trasporto di farmaci direttamente nelle vicinanze del sito recettoriale (site targeting) producendo nel contempo una cinetica di rilascio modificata rispetto a

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Farmacia

Autore: Gabriele Saito Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2138 click dal 06/04/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.