Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verifica e ristrutturazione di una rete di distribuzione idropotabile. Il comune di S. Mango Piemonte (SA).

L’elaborato di laurea da me redatto si basa sul lavoro svolto durante il tirocinio e sulle problematiche appena descritte. L’elaborato si divide in sei capitoli. Nel primo capitolo viene inquadrato il ruolo della S.I.I.S nella provincia di Salerno. Dal secondo capitolo in poi il lavoro si concentra esclusivamente sul comune di S.Mango. Nel secondo capitolo viene fatta una descrizione della topologia della rete e vengono descritti i calcoli effettuati per le verifiche della rete. Il terzo e il quarto capitolo descrivono gli interventi ipotizzati per la ristrutturazione della rete (il terzo un intervento a breve termine e il quarto un intervento a lungo termine) e valutano la validità degli interventi. Nel quinto capitolo viene illustrata l’alternativa proposta e vengono mostrati i risultati ottenuti con la nuova soluzione. Infine nel capitolo conclusivo si riassumono tutte le soluzioni ipotizzate. In allegato vengono riportati i calcoli idraulici in dettaglio di tutte le soluzioni adottate.
In particolare sono state effettuate tutte le verifiche convenzionali di funzionamento (verifica all’ora di punta, verifica con la portata antincendio e verifica con la rottura di un tratto significativo) utilizzando i metodi classici dell’idraulica.

Mostra/Nascondi contenuto.
    Introduzione Il seguente elaborato di laurea è stato redatto sulla base del lavoro svolto da me durante l’attività di tirocinio tenutasi presso la sede della S.i.i.s. spa dal mese di settembre al mese di novembre 2009 sotto la supervisione dell’ingegnere Massimo Martucciello. L’attività principale svolta durante il tirocinio è stata la verifica e la valutazione di possibili interventi a breve e a lungo termine sulla rete acquedottistica del comune di San Mango Piemonte (SA). Nel corso del tirocinio sono stati effettuati dei sopralluoghi presso il comune per il rilievo della rete.   1.L’ATO Sele e il gestore unico. La S.i.i.s. spa   La legge 36/94 “Disposizioni in materia di risorse idriche” ha rivoluzionato l’organizzazione del servizio idrico in Italia. Fino all’emanazione della legge il bene acqua è stato considerato illimitato, mentre la nuova normativa ha evidenziato che si tratta di una risorsa limitata. Al fine di salvaguardare la risorsa, la legge ha posto le fondamenta per modernizzare il settore, avviando un processo di industrializzazione. Il percorso tracciato dalla legge 36/94 prevede che i servizi idrici integrati siano organizzati sulla base di ambiti territoriali ottimali (ATO) delimitati dai seguenti criteri: 1. rispetto dell'unità del bacino idrografico o del sub-bacino o dei bacini idrografici contigui, tenuto conto delle previsioni e dei vincoli contenuti nei piani regionali di risanamento delle acque di cui alla legge 10 maggio 1976, n. 319, e successive modificazioni, e nel piano regolatore generale degli acquedotti, nonché della localizzazione delle risorse e dei loro vincoli di destinazione, anche derivanti da consuetudine, in favore dei centri abitati interessati; 2. superamento della frammentazione delle gestioni; 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giovanni Parisi Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 684 click dal 28/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.