Skip to content

La gestione delle informazioni per la determinazione dei fabbisogni effettivi di farmaci: sviluppo di un’applicazione per le strutture ospedaliere

Informazioni tesi

  Autore: Angela Ingenito
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Stefano Riemma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

La gestione della catena logistica rappresenta un area di crescente interesse nel settore sanitario e sempre più interventi di razionalizzazione dei processi di acquisto di beni e servizi prevedono la messa in atto di interventi sulla logistica. Nel lavoro di tesi presentato è stato affrontato in particolare il problema della gestione dei beni di consumo all’interno della struttura sanitaria. In particolare è stato sottolineato che tutte le attività svolte che hanno come oggetto d’interesse il farmaco sono da considerare attività critiche: la scelta, l’acquisto, la gestione logistica, il consumo, lo smaltimento, il controllo. Se, però, si è in grado di integrare tra loro gli aspetti amministrativi relativi all’acquisto, quelli logistici del magazzino e quelli clinici e operativi dalla prescrizione alla somministrazione questo problema viene in gran parte risolto, in quanto gli ospedali e le strutture sanitarie in generale sarebbero capaci di adottare strategie di approvvigionamento migliori. Obiettivo finale è, infatti, permettere la pianificazione sul medio periodo grazie a:
•previsioni dei consumi effettivi nel reparto attraverso gli ICD attribuiti ai pazienti ricoverati;
•emissione automatica degli ordini eseguita quando si verificano le prescrizioni a medio termine;
A tale scopo è stato implementato un algoritmo che a partire dalle prescrizioni calcola il fabbisogno netto di farmaci nell’intervallo considerato. Questi dati potranno essere trasmessi in real time a un magazzino esterno che governa centralmente i fabbisogni di breve periodo di più aziende appartenenti a un medesimo territorio di riferimento, garantendo ulteriori risparmi alla collettività.
Nell’ambito della gestione del farmaco è stato discusso, anche un nuovo modello organizzativo che prevede la centralizzazione degli attuali magazzini in un unico centro di servizi in cui convogliare tutte le attività oggi frammentate in una pluralità di magazzini. Si afferma così in ambito sanitario una logica di aggregazione che consente la gestione unificata dei beni in un unico magazzino di ricevimento e stoccaggio con l’abbattimento del livello di riordino, delle scorte e del relativo indice di copertur. L’informatica medica mette a disposizione dei sanitari un’ampia serie di conoscenze e strumenti per migliorare molti aspetti dell’attività professionale: tra questi anche aiuti per la gestione automatica di ordini e somministrazione di farmaci. Le principali informazioni in gioco sono quelle relative al paziente , al problema diagnosticato e alla terapia prescritta.
Le fonti tradizionali di informazioni del paziente che si basano su cartelle cartacee o esame diretto del paziente presentano una lunga serie di limitazioni. Inoltre attualmente non esiste un unico modello di cartella clinica condiviso da più strutture ospedaliere almeno a livello regionale: questo impedisce categoricamente l’utilizzo del magazzino centralizzato, nel qual caso più entità dislocate sul territorio devono condividere dati e informazioni. L’informatica permette di automatizzare in maniera razionale la gestione della cartella clinica attraverso l’uso appropriato del sistema informativo ospedaliero: un primo passo è la creazione di un database che sia una raccolta di dati logicamente correlati e progettati per essere fruiti in maniera ottimizzata da differenti applicazioni e utenti. Questo processo porterà nell’ultima parte del testo allo sviluppo di una cartella clinica elettronica, comunemente detta Electronic Health Record (EHR), capace di far dialogare il sistema di prescrizione/somministrazione e il sistema di gestione complessiva del magazzino di reparto e degli ordini alla farmacia. Avendo la possibilità di incrociare dati di natura diversa organizzati nel suddetto database, tramite l’EHR proposto si potranno emettere automaticamente le richieste degli ordini da reparto a farmacia, in base al consumo e alla giacenza nel magazzino di reparto; verrà fornito un supporto all’attività decisionale del medico che altresì consiglierà i farmaci al momento disponibili e infine sarà possibile suggerire le cure meno costose per il servizio sanitario. I vantaggi che si ottengono utilizzando il modello di EHR sviluppato sono:
•Riduzione della spesa sanitaria, scorte e costi di gestione
•Ottimizzazione delle risorse disponibili
•Controllo in tempo reale dei farmaci disponibili in farmacie, laboratori e reparti ospedalieri, per garantirne la tracciabilità della confezione o dose singola.
•Determinazione del fabbisogno puntuale dei farmaci attraverso la gestione informatizzata del ciclo terapia-prescrizione-somministrazione
•Verifica automatica dell’associazione farmaco-paziente in fase di somministrazione e movimentazione dei farmaci
•Riduzione del rischio per i pazienti:
•Prevenzione errori di somminis, trazionemonitoraggio in tempo reale delle terapie
•Rintracciabilità di strumenti e materiale sanitario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1 Il Servizio Sanitario Nazionale: lo scenario generale Il Servizio Sanitario si trova oggi a dover mantenere e migliorare la propria capacità di offerta di prestazione e di servizio secondo criteri di efficienza, di produttività, di economicità e di qualità per contenere e ridurre il costo del sistema e per massimizzare i benefici. La causa principale di questo trend è il contesto socio-economico che oggi vive il Paese caratterizzato da:  Invecchiamento della popolazione e maggiore bisogno di assistenza  Inadeguati investimenti nella prevenzione  Crescita del consumo farmaceutico e utilizzo improprio delle prestazioni  Progresso scientifico e innovazione tecnologica degli strumenti di diagnostica La sanità costituisce, inoltre, una risorsa produttiva fondamentale per il Sistema Paese e contribuisce in modo rilevante alla formazione del PIL: l’industria della salute è uno dei principali settori produttivi, sia di ciascuna regione sia di tutta la Nazione. Il contributo del sistema sanitario all’economia nazionale in termini di valore prodotto da tutta la filiera comprendente la ricerca, l’industria, il commercio e i servizi, costituisce una delle prime voci nella composizione della ricchezza del Paese. La realizzazione e l’erogazione di servizi evoluti per la sanità, tuttavia, non sono finalizzate solo a migliorare la salute della popolazione ma sono anche un’occasione per lo sviluppo di nuovi centri di attività e per la crescita di nuove figure professionali. (1) Con l’intento di migliorare la posizione e il ruolo della sanità in tale contesto, agli inizi degli anni Novanta il Servizio Sanitario Nazionale Italiano (SSN) ha subito un processo di aziendalizzazione con un passaggio da forme organizzative fortemente burocratizzate a una gestione orientata per obiettivi e risultati, finalizzata all’ottimizzazione nell’uso delle risorse e alla razionalizzazione della spesa. Tale rivoluzione, iniziata con il D. Lg n. 502/92, interviene sul complesso delle leve gestionali, tipiche di ogni azienda, quali: la definizione degli assetti organizzativi, la pianificazione strategica, gli strumenti di programmazione e controllo direzionale e operativo. Questo processo di trasformazione delle strutture erogatrici di servizi sanitari (unità sanitarie locali e ospedali) identifica un sistema di nuove regole di funzionamento capaci di realizzare un nuovo rapporto tra risultati di assistenza e di salute e risorse impiegate. Obiettivo del management nelle strutture sanitarie è organizzare, pianificare e controllare le risorse necessarie alle attività proprie delle aziende, secondo criteri e modalità operative finalizzate all’impiego ottimale delle risorse, per influire significativamente sul raggiungimento degli obiettivi di salute del paziente. Infatti, nonostante il processo di aziendalizzazione imponga l’adozione di un modello che focalizzi l’attenzione sull’economicità della gestione del SSN, il legislatore rispetta la centralità del paziente: il SSN assicura attraverso risorse pubbliche […] i livelli essenziali di assistenza definiti dal Piano sanitario nazionale nel rispetto dei principi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell’equità nell’accesso all’assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze nonché

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartella clinica elettronica
databse
fabbisogno farmaceutico
farmaci
gestione degli impianti
informazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi