Skip to content

L'approccio relazionale per il marketing delle società sportive professionistiche: il caso Juventus fc

Informazioni tesi

  Autore: Luca Cambi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Gianluca Marchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 290

Il fine dello studio è quello di analizzare le modalità attraverso le quali la società sportiva professionistica si relaziona con i soggetti business allo scopo di sopravvivere e competere nel mercato. Il marketing di queste particolari imprese di servizi è stato infatti l’oggetto dell’analisi che ha preso spunto dalla recente evoluzione dei ricavi. Negli ultimi anni, infatti, il volume degli introiti derivanti dalle sponsorizzazioni e dalla concessione dei diritti ai media ha registrato uno sviluppo considerevole rispetto ai ricavi derivanti dalla vendita dei biglietti e abbonamenti. Le più importanti società calcistiche europee, di fronte a questo cambiamento del modello di business, hanno iniziato a dotarsi di specifiche funzioni marketing.
Ciò ha alimentato l’interesse accademico per il marketing delle imprese sportive. La dottrina aziendale, rimasta piuttosto indifferente in passato nei riguardi delle problematiche relative a questo settore, ha finora analizzato il marketing dei club sportivi attraverso un semplice adeguamento del paradigma del marketing mix concept. Si è dell’avviso che tale modello può essere efficace per un approccio superficiale al problema, mentre denuncia una serie di limiti quando si passa ad analizzare approfonditamente un sistema complesso come quello della creazione del valore nello spettacolo sportivo.
Per ovviare a questo vincolo si è strutturato il tentativo di analizzare il marketing delle società sportive secondo un’ottica relazionale, basata sull’approccio interattivo e sull’approccio della network analysis, entrambi teorizzati dalle scuole Nordiche. La visione del marketing relazionale è stata indispensabile per trovare uno strumento adatto a comprendere la complessità delle relazioni che si creano nell’ambito delle manifestazioni sportive professionistiche. In questo particolare settore dell’entertaintment, la produzione del valore non avviene in maniera sequenziale, come previsto, ad esempio, dalla “Catena del valore” di Porter, ma gli attori partecipano alla produzione del valore in maniera sostanzialmente simultanea.
Le società sportive, gli sponsor e i media apportano nello stesso momento i loro contributi per la realizzazione dello spettacolo sportivo; intorno a questo i tre attori indicati creano un network di relazioni per perseguire efficacemente i propri obiettivi.
Questa rete di relazioni può essere più correttamente rappresentata per mezzo della “Costellazione del valore”, come ad esempio suggerito da Normann e Ramirez; in questa direzione è stata approfondita l’analisi del modello, sviluppando principalmente l’indagine del ruolo della società sportiva vista come “impresa guida”.
Si è pertanto giunti alla costruzione di un modello ad hoc per esaminare l’offerta dello spettacolo sportivo, alla cui produzione e distribuzione copartecipano attivamente la società sportiva, i media e gli sponsor. In seguito, si è cercato di capire quale sia il ruolo di ognuno dei tre attori all’interno del sistema di creazione del valore e in che modo uno influenzi l’attività degli altri due.
Gli aspetti salienti dell’approccio interattivo sono stati utilizzati principalmente nel corso di questa parte dell’analisi e per la disamina dell’attività di marketing del caso studiato, la società calcistica Juventus Football Club.
La presente ricerca ha ravvisato che i principi, su cui si basa l’approccio relazionale, non si limitano ad essere un astratto dispositivo analitico ma sono riscontrabili tra gli strumenti che il management delle società sportive utilizza consapevolmente per lo sviluppo di relazioni e per la produzione di surplus all’interno delle stesse.
Nel caso di Juventus F.C., la cura dei rapporti con i partner viene guidata dalla consapevolezza che solo in questa ottica di marketing è possibile superare la competizione con le altre società sportive e con i mezzi di informazione, offrendo agli sponsor un servizio comunicazionale che essi non potrebbero ottenere con un media tradizionale.
Il marketing relazionale, visto che non è caratterizzato dalla prescrizioni formali e sostanziali che l’approccio tradizionale prevede, ha il vantaggio di poter essere adattato agevolmente alla realtà dinamica dei mercati in continua evoluzione, in virtù della sua apertura al cambiamento.
In questa sede si non si intende affermare che il marketing relazionale sia l’unica forma possibile del marketing, visto che questa disciplina deve essere costantemente aggiornata, poiché è la funzione presiede ai rapporti che si creano tra due entità in continua trasformazione come l’impresa ed il mercato. Si è invece ritenuto opportuno utilizzare lo strumento relazionale, che si è rivelata una efficace modalità di analisi dell’attuale organizzazione degli spettacoli sportivi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione Il fine del presente studio è quello di analizzare le modalità attraverso le quali la società sportiva professionistica si relaziona con i soggetti business allo scopo di sopravvivere e competere nel mercato. Il marketing di queste particolari imprese di servizi è stato infatti l’oggetto dell’analisi che ha preso spunto dalla recente evoluzione dei ricavi. Negli ultimi anni, infatti, il volume degli introiti derivanti dalle sponsorizzazioni e dalla concessione dei diritti ai media ha registrato uno sviluppo considerevole rispetto ai ricavi derivanti dalla vendita dei biglietti e abbonamenti. Le più importanti società calcistiche europee, di fronte a questo cambiamento del modello di business, hanno iniziato a dotarsi di specifiche funzioni marketing. Ciò ha alimentato l’interesse accademico per il marketing delle imprese sportive. La dottrina aziendale, rimasta piuttosto indifferente in passato nei riguardi delle problematiche relative a questo settore, ha finora analizzato il marketing dei club sportivi attraverso un semplice adeguamento del paradigma del marketing mix concept. Si è dell’avviso che tale modello può essere efficace per un approccio superficiale al problema, mentre denuncia una serie di limiti quando si passa ad analizzare approfonditamente un sistema complesso come quello della creazione del valore nello spettacolo sportivo. Per ovviare a questo vincolo si è strutturato il tentativo di analizzare il marketing delle società sportive secondo un’ottica relazionale, basata sull’approccio interattivo e sull’approccio della network analysis, entrambi teorizzati dalle scuole Nordiche. La visione del marketing relazionale è stata indispensabile per trovare uno strumento adatto a comprendere la complessità delle relazioni che si creano nell’ambito delle manifestazioni sportive professionistiche. In questo particolare settore dell’entertaintment, la produzione del valore non avviene in maniera sequenziale, come previsto, ad esempio, dalla “Catena del valore” di Porter, ma gli attori partecipano alla produzione del valore in maniera sostanzialmente simultanea. Le società sportive, gli sponsor e i media apportano nello stesso momento i loro contributi per la realizzazione dello spettacolo sportivo; intorno a questo i tre attori indicati creano un network di relazioni per perseguire efficacemente i propri obiettivi. Questa rete di relazioni può essere più correttamente rappresentata per mezzo della “Costellazione del valore”, come ad esempio suggerito da Normann e Ramirez; in questa direzione è stata approfondita l’analisi del modello, sviluppando principalmente l’indagine del ruolo della società sportiva vista come “impresa guida”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi