Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le notizie in un click: La fine dei giornali cartacei? L’avvento dei new media e la crisi della stampa

Nel presente lavoro di tesi viene analizzato il contributo che lo sviluppo dei media digitali ha apportato al declino della carta stampata. Come spesso accade, ogni volta che si presenta un nuovo scenario, ognuno di noi si identifica in una linea di pensiero inerente al futuro, questo lavoro ha preso in considerazione diverse supposizioni riguardanti che ruotano tutte intorno allo stesso interrogativo: Il web ucciderà i giornali di carta? Lo studio ha cercato di fornire una risposta analizzando le due principali linee di pensiero ovvero prendendo in esame coloro che, da una parte, sono convinti che internet porterà all’estinzione della carta stampata mentre, dall’altra, coloro consapevoli che dinanzi a questa nuova sfida c’è una capacità da parte dei giornali cartacei di adeguarsi e rinnovarsi continuamente.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTR ODU ZIO NE Nella storia dei mass media sono state molteplici le crisi globali dei giornali di carta, difatti ogni qual volta che un nuovo strumento ha fatto il suo ingresso nel sistema mediatico carta e inchiostro sono state puntualmente messi in discussione. Già quando, negli anni Trenta, fu trasmesso il primo giornale radio, per la stampa italiana si ebbe la fine del monopolio dell’informazione. La radio fu il primo mezzo di comunicazione in grado di competere con la carta stampata sul piano dell’informazione giornalistica ma, al tempo stesso, la radio contribuì a migliorare la qualità e la diffusione dei contenuti dei quotidiani. Pochi anni più tardi, con l’avvento dei telegiornali, i quotidiani nazionali smisero di essere i principali mezzi d’informazione per la popolazione italiana, i settori della carta stampata risentirono bruscamente della concorrenza dell’informazione televisiva, la quale risultava più rapida, immediata e ricca d’immagini. In base ad ogni nuovo, e sempre più forte, concorrente mediatico, la carta stampata ha dovuto sempre correre ai ripari variando continuamente i propri modelli e contenuti studiando nuove proposte per conformarsi alle esigenze del pubblico sempre più radiotelevisivo. Grazie a questo suo saper continuamente rinnovarsi, la carta stampata è riuscita a fronteggiare ogni cambiamento improvviso dovuto all’avanzare della tecnologia. L’ultima sfida per i giornali stampati è rappresentata dalle nuove tecnologie: internet, telefonia mobile, tv satellitare e digitale terrestre, le quali hanno sì

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Emelina Santoro Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1955 click dal 26/04/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.