Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le indagini difensive

Il tema delle investigazioni difensive, sino agli inizi di questo secolo, non era mai stato oggetto in Italia di una disciplina normativa sistematica, ciò nonostante fosse chiaro a tutti che in un sistema penale di tipo accusatorio si dovesse garantire all’ indagato/imputato e al suo difensore la possibilità di compiere atti di indagine da utilizzare nel processo quali elementi di prova a discarico.
Oggi il giurista dispone di una disciplina delle indagini difensive, emanata in abrogazione dell’ art. 38 disp. att. c.p.p., che ha cercato di mettere ordine nella materia. Con la legge 7 dicembre 2000 numero 397 è stato così introdotto il titolo VI-bis del codice di procedura penale intitolato “INVESTIGAZIONI DIFENSIVE”. Si tratta di un tentativo organico di mettere mano alla materia mediante l’ introduzione di nove articoli dedicati tutti alla definizione dei soggetti agenti, al loro potere, alla forma degli atti e alla utilizzazione della documentazione nell’ ambito del procedimento. In questo modo, il Legislatore ha inteso attuare i principi della parità e del contraddittorio tra le parti, contenuti nel novellato art. 111 Cost.
In particolare, dal complesso degli artt. 391 bis-decies contenuti nel nuovo titolo VI bis emerge che il difensore dispone di tre poteri: quello di conferire, ricevere dichiarazioni o assumere informazioni da persona in grado di riferire circostanze utili ai fini dell’ attività investigativa; quello di richiedere documenti in possesso della Pubblica Amministrazione; quello di accedere ai luoghi anche privati o non aperti al pubblico, per procedere alla loro descrizione o per eseguire rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici o audiovisivi. Inoltre, la nuova disciplina finalmente affronta il problema che più volte la giurisprudenza aveva evidenziato: vale a dire l’ assenza di forme di documentazione dell’ attività d’ indagine. Per acquisire valenza probatoria in giudizio, le dichiarazioni devono essere sottoscritte dall’ informatore ed accompagnate da una relazione attestante gli avvertimenti richiesti dalla legge, mentre le attività svolte durante l’ accesso devono essere inserite in un verbale. Tuttavia, permangono sul piano sostanziale evidenti disparità tra il pubblico ministero e il difensore di parte.Questo è ciò che il presente studio vuole mettere in evidenza, auspicandosi più impegno in capo agli avvocati nell’ effettuare le indagini difensive e maggiore apertura della magistratura nel riconoscere a tale attività il dovuto valore; solo così facendo e col decorso del tempo si riuscirà a stabilire anche in Italia l’ effettivo “diritto alle investigazioni private”.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PARTE PRIMA LA GENESI DEL DIRITTO DI DIFENDERSI INDAGANDO

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Selenia Ragusa Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5588 click dal 20/04/2011.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.