Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Programmazione televisiva e musica nella tv commerciale italiana

La musica, come sappiamo, ha origini antichissime, esiste da ancora prima che ne rimanesse una qualche traccia storica. L’uomo ne è sempre stato affascinato perché ha capito che questa poteva essere un modo per esprimere se stesso e le emozioni che ha dentro; sulle melodie ha imparato a danzare, a ridere, a pensare e anche a piangere. La musica quindi è considerata un modo di mettere a nudo la propria anima e di far sentire a chi ci ascolta cosa proviamo mentre suoniamo o cantiamo. Essendo un’arte molto comunicativa, capace di condizionare con la sua essenza qualunque cosa a cui venga accostata, la musica è entrata a far parte dei mass media quasi fin dalla loro nascita. Il primo programma radiofonico, o per meglio dire, la prima trasmissione di parole e suoni, si ha ad esempio nel 1906 ad opera del canadese Reginald Fessenden, solo tredici anni dopo l’invenzione della radio. Ovviamente il trasmettere contenuti sonori “avrebbe agevolato la diffusione a livello di massa del nuovo strumento”. E così infatti fece anche la televisione. A più di cinquant’anni dalla sua comparsa in Italia, la televisione è entrata nella vita della maggior parte degli italiani. Considerata come un indispensabile mezzo di informazione e da altri come puro intrattenimento, la tv ha profondamente modificato il suo aspetto tenendo conto delle richieste del pubblico e del mercato.
In questa tesi parlerò in particolare della televisione commerciale italiana e del suo rapporto strettissimo con la musica nell’arco di una settimana di programmazione su un canale della rete Mediaset, Canale 5.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La musica, come sappiamo, ha origini antichissime, esiste da ancora prima che ne rimanesse una qualche traccia storica. L‟uomo ne è sempre stato affascinato perché ha capito che questa poteva essere un modo per esprimere se stesso e le emozioni che ha dentro; sulle melodie ha imparato a danzare, a ridere, a pensare e anche a piangere. La musica quindi è considerata un modo di mettere a nudo la propria anima e di far sentire a chi ci ascolta cosa proviamo mentre suoniamo o cantiamo. Essendo un‟arte molto comunicativa, capace di condizionare con la sua essenza qualunque cosa a cui venga accostata, la musica è entrata a far parte dei mass media quasi fin dalla loro nascita. Il primo programma radiofonico, o per meglio dire, la prima trasmissione di parole e suoni, si ha ad esempio nel 1906 ad opera del canadese Reginald Fessenden, solo tredici anni dopo l‟invenzione della radio. Ovviamente il trasmettere contenuti sonori “avrebbe agevolato la diffusione a livello di massa del nuovo strumento”. 1 E così infatti fece anche la televisione. A più di cinquant‟anni dalla sua comparsa in Italia, la televisione è entrata nella vita della maggior parte degli italiani. Considerata come un indispensabile mezzo di informazione e da altri come puro intrattenimento, la tv ha profondamente modificato il suo aspetto tenendo conto delle richieste del pubblico e del mercato. In questa tesi parlerò in particolare della televisione commerciale italiana e del suo rapporto strettissimo con la musica nell‟arco di una settimana di programmazione su un canale della rete Mediaset, Canale 5. La scelta di questo canale è stata fatta fondamentalmente per due ragioni: 1 La radio, http://it.wikipedia.org/wiki/Radio

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Francesca Carminati Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 613 click dal 26/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.