Skip to content

L'autismo e i disturbi visuo-percettivi

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Fogliato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione
  Relatore: Raffaella Giovanna Nella Ricci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Nella sindrome autistica si incontra un deficit della coerenza centrale: la percezione degli stimoli, così come anche l'azione, è frammentata e senza significato, in quanto non si riescono ad integrare le parti in un tutto coerente. Si è notato che la prestazione di bambini autistici in compiti visuo-spaziali è significativamente superiore rispetto ad altre prove. Questo fenomeno sarebbe generato dalla debole tendenza a integrare le parti di uno stimolo, o gli stimoli, e il loro contesto. Il primo capitolo di questo elaborato propone una panoramica generale sulla sindrome autistica, riassumendone le principali caratteristiche. Il secondo capitolo si concentra sulla percezione visiva e sulle ricerche più recenti riguardanti i disturbi visuo-percettivi dello spettro autistico. In particolare, verrà trattata la percezione di ombre, forme e volti, sottolineando la diversità tra processi globali e locali. In ultimo, verrà riportato un interessante studio del 2010 riguardante i neuroni specchio che confuta diverse teorie altrettanto recenti. Il terzo capitolo fornisce una sintesi delle teorie più accreditate sull'autismo e mette in luce gli elementi che le accomunano. Verranno poi presentate delle possibili terapie, come l'acquisizione della consapevolezza degli stati mentali, il rafforzo del controllo top-down e l'apprendimento per associazioni. Per concludere, l'ultimo paragrafo del capitolo si occuperà del talento savant, uno dei temi più affascinanti nella ricerca sull'autismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Introduzione Introduzione Introduzione Il bambino affetto da sindrome autistica appare, per la maggior parte delle volte, evidentemente diverso da bambini che presentano altri gravi disturbi dello sviluppo. La bellezza incantevole di cui spesso è dotato, che lo fa sembrare appartenente ad un altro mondo, nasconde in realtà un’anomalia neurologica devastante e di difficile individuazione. Autismo (dal greco αυτός, se stesso) letteralmente significa vivere nei termini del sØ, infatti, un osservatore può subito notare quanto un bambino in stato di autismo si mostri poco reattivo al mondo esterno e profondamente centrato su di sØ. Il paradosso, tuttavia, consiste proprio nella scarsissima consapevolezza del bambino autistico di essere un sØ. Il termine autistico venne introdotto all’inizio del ventesimo secolo da Eugen Bleuler (1911), uno dei fondatori della psichiatria moderna. Egli definiva con l’espressione chiusura autistica la difficoltà di relazione sociale delle persone colpite da schizofrenia, altro termine inventato dallo stesso Bleuler. I primi autori che ipotizzarono l’esistenza di una sindrome autistica furono lo psichiatra statunitense Leo Kanner (1943) e Hans Asperger (1944), anch’egli psichiatra che portava avanti i suoi studi a Vienna. L’articolo di Kanner (1943) intitolato Disturbi autistici del contatto affettivo è, a tutt’oggi, il riferimento piø citato in tutta la letteratura sull’autismo, mentre quello di Asperger (1944) Die autustischen Psychopaten im Kindesalter (Gli autistici psicopatici nell’età infantile), scritto in tedesco e pubblicato durante la seconda guerra mondiale, è stato in gran parte ignorato. Il tipo di bambino descritto da Asperger sembrava non avere nulla in comune con le descrizioni di Kanner, tuttavia le analogie sono progressivamente divenute evidenti. La definizione sindrome di Asperger è risultata clinicamente utile per identificare casi lievi di autismo. La sindrome di Asperger e l’autismo fanno parte di un insieme di disturbi che nei paesi di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asperger
autismo
bambini
comunicazione
deficit
disturbi visuo-percettivi
dsa
navon
neuroni specchio
percezione
savant
sindrome

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi