Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piano di marketing per il lancio del parco di divertimenti ''Fantalandia''

Trattazione completa della Pianificazione di Marketing (fasi di analisi e proposte strategico/operative) con riferimento al settore turistico dei Parchi di Divertimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA La parola ‘parco di divertimenti’ rievoca immediatamente l’immagine di Disne- yland, che è considerato il precursore di questa forma di svago. Sebbene l’idea di rea- lizzare un utopico paese dello svago e della spensieratezza sia antecedente alla costru- zione di tale parco (basti pensare a ‘Dyrhusbaken’ in Danimarca, risalente addirittura al 1668), solo con la sua origine (avvenuta nel 1955) può considerarsi nato il moderno parco di divertimenti: gestito in modo organico (anziché il Luna Park, nel quale sono riscontrabili diversi soggetti imprenditoriali), dotato di sezioni ‘tematizzate’ (ispirate ad un tema specifico), caratterizzato da un utilizzo sempre più pervasivo delle cono- scenze tecnologiche. Dalla nascita di Disneyland questo tipo di svago si è diffuso gra- dualmente anche in Europa ed in Asia, a conferma della validità universale dell’idea, seppure con i dovuti adattamenti. Il settore europeo dei parchi di divertimento ha ormai superato la sua fase pionieristica (collocabile negli anni ’60), potendo contare su un mercato annuo costituito da più di 130 milioni di visitatori e generando circa 35.000 posti di lavoro. In Italia il business dei parchi di divertimento si è sviluppato solo recentemente, considerando che più della metà dei parchi esistenti è stata fondata nell’ultimo decen-

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Uberti Contatta »

Composta da 469 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8493 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.