Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le dinamiche dei gruppi di società in relazione alla responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001

Le dinamiche dei gruppi di società in relazione alla responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001

Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - 1- La problematica questione della responsabilità da illecito all’interno dei gruppi societari: profili penalistici. Il d.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 non prende in considerazione in modo espresso il fenomeno del gruppo di società, nonostante solamente un anno prima, il “progetto Grosso” di riforma del codice penale, prevedesse, all’art. 121, comma 3, che «Se il fatto [di reato] è stato commesso nell'ambito di una attività sottoposta alla direzione o controllo da parte di altra persona giuridica, la responsabilità ai sensi di questo titolo si estende alla persona giuridica che esercita la direzione o il controllo» 1 . Si tratta sicuramente di una grave lacuna da parte del legislatore, anche e soprattutto considerata l’importanza che tale fenomeno assume all’interno del tessuto economico/imprenditoriale del nostro Paese, dove, quella del “gruppo di imprese” rivela essere la forma giuridica propria della medio-grande impresa italiana. Il gruppo ha una natura prettamente economica dai tratti para-giuridici, che trova il proprio substrato non già nella regolamentazione normativa, bensì nelle molteplici forme di espressione tipiche della creatività dell’iniziativa imprenditoriale; infatti tale creatività si realizza attraverso gli strumenti tradizionali dell’autonomia contrattuale e del diritto di proprietà, che consentono ad una determinata società di esercitare le facoltà di godere e di disporre delle azioni da essa acquistate o sottoscritte presso altra società, conseguendo in tal modo un’influenza dominante su quest’ultima 2 . Del resto, anche se tutt’oggi non vi è neanche tra la dottrina commercialistica una definizione accolta in modo unanime del termine “gruppo”, non si possono non menzionare tutte quelle disposizioni la presenza delle quali permette di affermare che questo fenomeno non è più un istituto di mero fatto nel 1 Art. 121, comma 3, del progetto di riforma del codice penale presentato nel 2000 dalla Commissione ministeriale istituita con D.M. 1° ottobre 1998 (c.d. commissione Grosso). 2 GALGANO, Il regolamento di gruppo nei gruppi bancari, in Banca Borsa e Titoli di Credito, 2005, I, p. 87.

Tesi di Master

Autore: Tino Rombolà Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1021 click dal 27/04/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.