Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi statistica del campionato italiano di calcio di Serie A nella stagione 2009-2010

Tesi riguardante la previsioni di partite di calcio del campionato italiano di Serie A con l'utilizzo di particolari modelli statistici.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il calcio oggi è sempre più un’industria e sempre meno un gioco. Zdenek Zeman L’antico Giappone col kemari e l’antica Cina con il tsu-chu vantano i più remoti precedenti del gioco del calcio. Caratteristiche comuni ai due sport erano l’uso dei piedi, la presenza di una rudimentale porta e l’utilizzo di una palla. Il calcio, così come lo conosciamo noi, nacque invece in Inghilterra, più preci- samente nei college inglesi. Per questo motivo, all’inizio, era considerato uno sport d’élite, che solo persone ricche o ragazzi frequentanti le università pote- vano praticare. Ufficialmente il calcio nasce il 26 Ottobre 1863, con la creazione della Football Association, e da questo momento, grazie ad una prima stesura di regole basilari, iniziò a distinguersi da un altro gioco molto praticato in Inghilter- ra: il rugby. Il gioco del calcio godette da subito di un grande successo, grazie anche alla sem- plicità delle regole e al dinamismo del gioco stesso. Questo sport si diffuse ve- locemente a partire soprattutto dalle città portuali, ampiamente frequentate da marinai e commercianti inglesi. Non a caso, la più antica società calcistica italia- na è il Genoa, fondata nel 1893, che si aggiudicò anche il primo scudetto messo in palio in Italia. Inizialmente, il calcio era considerato solo un hobby e in ogni partita c’erano due 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Zurlo Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1688 click dal 28/04/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.