Skip to content

Machine Guarding in un'azienda metalmeccanica

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Severino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Gabriele Zeppa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

Il presente lavoro ha avuto la funzione di fornire una fotografia aggiornata della situazione delle macchine attualmente utilizzate dall’Azienda SWK Utensilerie s.r.l., unità operativa di Gemonio, e di consentire di inquadrarne le relative problematiche a livello macroscopico, con lo scopo di procedere poi ad una verifica più approfondita per singola macchina, ricercando (ove necessario) le soluzioni impiantistiche più opportune per sanare eventuali non conformità o comunque per ridurre i rischi associati all’utilizzo della stessa. A conclusione del processo, sarà possibile poi (ove applicabile) arrivare ad una certificazione della macchina o dell’impianto secondo le procedure previste dalla Direttiva Macchine. Il presente studio ha inoltre il fine di verificare che le condizioni imposte dal decreto legislativo 81/2008 siano effettivamente rispettate. Prima di effettuare l’azione esplicata precedentemente si è effettuata la mappatura del parco macchine aziendale, per procedere in un secondo momento alla stesura di un piano d’azione. L’approccio adottato inizialmente per tale piano di azione era basato su un’analisi dei macchinari secondo le ore di effettivo utilizzo, al fine di trovare quelli con maggiore probabilità di infortunio (cioè i macchinari più utilizzati), puntando maggiormente l’attenzione sulle macchine foratrici, in base ad una prescrizione dell’azienda sanitaria locale scaturita da un grave infortunio avvenuto nell’anno 2008; a seguito di una riunione con la dirigenza, si è convenuti alla conclusione che tale piano non era coerente con il vero obiettivo aziendale, improntato all’ottenimento della certificazione OHSAS 18001. Si è passati quindi ad un’azione più radicale, considerando tutti i macchinari presenti e classificandoli secondo l’analisi storica degli infortuni; quest’idea è stata accantonata a causa della crisi economica che ha colpito tutti i settori produttivi del mercato manifatturiero mondiale, facendo sì che l’azienda dovesse adottare piani strategici con conseguente riduzione o interruzione dell’utilizzo di macchinari inseriti in alcune linee produttive (per esempio produzione di estrattori). Sulla base di tale previsione di cambiamento, è stata vagliata l’ipotesi di focalizzarsi solo sui macchinari utilizzati per la produzione degli articoli rappresentanti il core business aziendale. Secondo le leggi vigenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro è però necessario valutare tutte le attrezzature. E’ stata quindi ripresa l’idea, temporaneamente “congelata”, di analizzare tutte le apparecchiature produttive presenti, creando un piano finale d’azione nel quale, a seguito di un’analisi di rischio dei macchinari divisi per reparto, si è dato ufficiale avvio alle attività, nel frattempo intraprese a livello informale, per la definitiva messa in sicurezza dei macchinari stessi, andando ad eliminare tutte le apparecchiature più vecchie, che verranno dismesse nel breve periodo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE 1.1. PREMESSA L‟entrata in vigore della Direttiva Macchine, avvenuta in Italia col D.P.R. 459/96, ha imposto alle Aziende di rispettare una serie di disposizioni concernenti la messa in servizio di nuove macchine. Per le macchine esistenti, già messe in servizio alla data di entrata in vigore della normativa (21/09/96), tali disposizioni sono da applicare nel momento in cui la macchina subisce una modifica sostanziale, viene utilizzata per un uso non previsto o è assemblata con altre macchine. In ogni caso, è opportuno che le aziende, soprattutto quelle con un parco macchine ampio ed in continua evoluzione, impostino un sistema efficiente per quanto riguarda la raccolta della documentazione, l‟analisi dei rischi e la gestione delle modifiche, come previsto anche dal D.Lgs. 81/2008. Per quanto riguarda gli aspetti di rischio generali (meccanici, elettrici o comunque non connessi direttamente al rischio di esplosione) la parte centrale del lavoro è costituita dalla verifica della rispondenza delle macchine ai requisiti essenziali di sicurezza e salute fissati dall‟Allegato I della Direttiva Macchine. Per le macchine messe in servizio dopo il 21/09/1996 e marcate CE, questa verifica permette di valutare la reale conformità della macchina, salvo vizi occulti (per vizi occulti si intendono i difetti non rilevabili ad un esame della macchina nelle sue normali condizioni di lavoro), alla direttiva stessa. Bisogna tener conto del fatto che la marcatura, ove la macchina non rientri tra quelle che necessitano dell‟intervento nel processo di certificazione di un organismo notificato, può avvenire sotto la sola responsabilità del costruttore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

81/2008
direttiva macchine
infortunio
infortunio sul lavoro
ohsas
piano macchine
rischio
salute lavoratori
sicurezza
sicurezza sul lavoro
sistema di gestione
sistema di gestione della sicurezza
sistema gestione
testo unico sulla sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi