Skip to content

La prima giornalista siriana: Mari Agami. Analisi e traduzione di articoli tratti dalla sua rivista ''Al-Arus'' (La sposa 1910).

Informazioni tesi

  Autore: Marinella Bassano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Maria Ines Avino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

L’elaborato parte dall’analisi della condizione della donna araba alla fine del XIX secolo, quando cominciano a diffondersi le idee femministe e le donne appartenenti alle classi più elevate si interessano alla scrittura. È così che esse iniziano ad usare la penna, distinguendosi per la ricchezza e la varietà dei loro scritti, i quali vengono promossi attraverso la stampa. Tra le voci di donne che emergono in quegli anni ritroviamo quelle di Zaynab Fawwaz, May Ziyadah, Maryam Nimr Makaryius, Mary Agami, Nazik al-Abid Bayhum, Guliya Tu‘mah Dimasquiyyah, che fondano anche salotti letterari e associazioni a carattere sociale e religioso.
Ben presto le donne inaugurano anche la tradizione giornalistica: prima fra tutte fu l’egiziana Hind Nawfal con la rivista Al-Fatah (La ragazza), seguita da molte altre donne tra cui anche Mari Agami, che fu la prima giornalista siriana e fondò la rivista Al-‘Arus (La sposa). Queste donne dovettero affrontare non poche difficoltà, conseguenza del fatto che la società, dominata da uomini, non era ancora pronta a tenere testa agli sforzi femminili.
La seconda parte dell’elaborato riguarda Mary Agami: la sua vita, il suo impegno sociale, l’esperienza nelle prigioni di Damasco, la lotta contro il colonialismo francese e la fondazione della sua rivista nel 1910: visse in un’epoca difficile, lottando sempre contro l’ingiustizia e l’oppressione e reclamando la liberazione del suo paese dominato dapprima dai turchi ottomani, poi dai francesi. Ha lavorato in campo sociale impegnandosi per la difesa della dignità della persona, e soprattutto della donna, e per l’affermazione dei diritti. È conosciuta per la sua audacia nel raccontare la verità ed è ricordata come una pioniera tra le donne arabe del XIX secolo.
Dopo alcuni cenni alla traduzione e alle lingue adoperate nel processo traduttivo, vale a dire l’italiano e l’arabo, l’elaborato si conclude con un’analisi linguistica di due articoli scritti dalla giornalista siriana: “Conversazione dolorosa” e “Introduzione alla rivista Al-Arus”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I LA CONDIZIONE DELLA DONNA ARABA ALLA FINE DEL XIX SECOLO. A cavallo tra il XIX e il XX secolo, la donna in Siria viveva prigioniera fra quattro mura da cui solo per imprescindibili necessità poteva uscire. Allora doveva avvolgersi completamente in un velo nero in modo che, del suo corpo, non fosse visibile alcuna parte. La ragazza frequentava solo i primi cinque anni di scuola, dopo i quali la famiglia, immaginando l'apertura della mente e del cuore che poteva derivare dalla cultura, riteneva opportuno tenerla chiusa in casa quale migliore garanzia della sua sottomissione alle tradizioni, all'autorità del padre e dei fratelli. Questa situazione spingeva la ragazza a sposarsi con il primo venuto, evitando così di cadere nell'inferno della seduzione e allontanandosi dai pericolosi sogni di gioventù. Cominciava a mettere al mondo un figlio dopo l'altro, senza avere un attimo per riflettere e capire se amava veramente l'uomo con cui viveva, che serviva e al quale dava figli. Dunque non le era permesso di vivere come un essere umano con i propri sentimenti, desideri e aspirazioni. ) La donna è stata spesso considerata un essere umano inferiore, da sfruttare e da cambiare, o abbandonare, quando non rispondesse più ai requisiti richiesti. Per fortuna nel XX secolo la sua posizione è notevolmente migliorata; tuttavia le tradizioni sono ancora radicate; anche per le donne colte, spesso è stato difficile fare un'aperta denuncia della situazione in cui vivono. In quel secolo, tuttavia, si 1 Cosi Nabilah al-R.azzaz presenta la situazione femminile in Siria tra il XIX e il XX secolo, in MuJiirakat al-mar'ahfi al-hayah a/- 'Ommahfi Siiriyah mundu a/-istiqla/1945 wa-hatta 1975, DimaSq, Dar al- Maqa', 1975.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

al-fatah (la ragazza),
al-‘arus (la sposa).
associazioni femminili
biografie
condizione della donna
cultura
dominazione francese
dominazione ottomana
femminismo
giornalismo
hind nawfal
istruzione femminile
mari agami
nahda
novellistica femminile
pioniere
prigioni di damasco
rinascita araba
scolarizzazione
scrittrici arabe
siria
stampa
xix secolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi