Skip to content

La lettera odeporica. Viaggiatori in Europa tra Settecento e Ottocento

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Bruglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia Moderna
  Relatore: Laura Melosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Quasi nessun angolo della Terra, ai giorni nostri, è senza segreti. Di ogni civiltà, anche le più remote, almeno una volta abbiamo percorso immagini e suggestioni. Ed oggi, epoca in cui ci si sposta freneticamente, sempre meno capita di considerare quanta storia del viaggio abbiamo alle spalle: tanto antica è la memoria di un'epopea pionieristica alla scoperta del mondo.
Tema vastissimo quello del viaggiare, qui circoscritto ad una precisa, anche se estesa, stagione: l'epoca del cosiddetto Grand Tour europeo. Nata intorno alla metà del XVII secolo, la tradizione del Grand Tour abbraccia tutto il Settecento e almeno metà dell'Ottocento. In questo periodo, sulle di orme già tracciate da soldati, pellegrini, mercanti, si diffuse, soprattutto presso i giovani nobili, e tra i maggiori intellettuali in funzione di accompagnatori, il costume di visitare le più illustri capitali d'Europa, tappa privilegiata di quel loro errare, sostandovi per studio e per diletto, frequentandovi la migliore società, ma non disdegnando di calarsi talvolta anche nella genuina realtà popolare.
Ogni viaggio, il cui fine è la comparazione del noto con l’ignoto, è un'impresa da ricordare per tutta la vita. Anche oggi, epoca in cui il viaggio è divenuta esperienza sicuramente più agevole da intraprendere, ma che troppo spesso si trasforma in vacanza senza effettiva meta, sarebbe bene rievocarlo, magari scrivendone una volta ritornati in patria, viva consuetudine che ha caratterizzato i secoli passati. Non si spiegherebbe altrimenti una così cospicua produzione memorialistica. C'è però da dire che spesso i diari o le memorie sono testimonianze costruite, o ricostruite, su appunti accennati o ricordi, per questo a volte parzialmente attendibili. Se non si dispone di corrispondenze contemporanee al viaggio - è il caso di viaggiatori d'eccezione - è difficile distinguere quanto di vero o di falso ci sia in queste pagine. E' per questo motivo che in tale circostanza saranno prese in analisi le “eccezioni”, ovvero gli autori che ci danno testimonianza delle loro esperienze di viaggio all'interno delle corrispondenze, o dei libri di lettere, che contengono missive scritte per essere pubblicate, redatte quindi posteriormente, ma che comunque, benché rielaborate, rimangono fedeli a fatti reali. Là dove possibile, sarà interessante avviare un confronto tra epistolario e libro di lettere, proprio per carpire in che cosa differiscano queste due tipologie di testo, e ovviamente scorgere le eventuali scelte editoriali effettuate dell’autore. Il tema di questo lavoro sarà quindi la lettera odeporica, ovvero la lettera di viaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 I. LA LETTERATURA, LA LETTERA, ILVIAGGIO La letteratura di viaggio è per definizione abituata ad oltrepassare i confini. Al contrario dello studio letterario recente, la vecchia comparatistica, di stampo positivista, collocava tra le opere inferiori, rispetto ai generi “alti”, come il romanzo ed il poema, i resoconti di viaggio, i diari e i libri di lettere, quella che invece oggi è considerata letteratura odeporica. Questi generi erano analizzati come “intermediari” e non come veri oggetti letterari. Un legame lontano nel tempo, che unisce le azioni di viaggiare e di scrivere, mette in evidenzia il comune principio antropologico di queste due inclinazioni: «se componente indissolubile dell'esperienza del viaggio è la modalità del raccontarlo, il viaggiatore e lo scrittore, in certo modo nascono insieme» 1 . Ed è in epoca illuministica che questo genere manifesta una straordinaria diffusione attraverso un eccezionale incremento di titoli. Ma per capire le ragioni di questo successo non è sufficiente voltarsi all'ambito antropologico, ma è invece necessario ricorrere ad altre motivazioni: fra le basilari premesse culturali dell'evento è da sottolineare la nascita, a metà del Settecento, di una nuova materia filosofica: l'estetica. Come spiega Elio Franzini, questa disciplina scaturisce «dall'esigenza mediatrice di un contesto culturale in cui si cerca di porre sul piano della ragione il mondo della contingenza e in cui, al tempo stesso, valori assoluti come quello della bellezza sono riportati a facoltà soggettive come il gusto, al buon senso del senso 1 Luca Clerici, Introduzione, in Scrittori italiani di viaggio, a cura di Luca Clerici, vol. I, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2008, p. IX.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alessandro verri
carlo denina
epistolografia
francesci algarotti
francesco luini
giacomo leopardi
gian lodovico bianconi
giuseppe baretti
lettera odeporica
letteratura di viaggio
letteratura odeporica
libri di lettere
luigi angiolini
niccolò tommaseo
odeporica
odeporica settecento ottocento
pietro verri
viaggiatori europa
viaggio
vittorio alfieri

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi