Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto uomo-tecnica nella prospettiva filosofica di Hans Jonas

Il "principio responsabilità" è alla base della nuova etica proposta da Hans Jonas nel ripensare il rapporto tra uomo e natura, e tra l'uomo e se stesso. Infatti essi sono entrati in conflitto e la loro relazione è stata resa disarmonica dall'uso scorretto della moderna tecnologia.
Le riflessioni critiche di Jonas sono dedicate a questo tema, alla sfida morale della tecnologia e alla nuova etica di cui essi necessitano. Egli afferma la necessità di fondare, nell'era del controllo manipolatore della natura, l'etica della responsabilità degli uomini nei confronti degli altri uomini e dell'ambiente. Il merito di Jonas è di aver dato un contributo significativo alla riflessione su questo argomento senza mai perdere di vista l'aspetto pratico e soprattutto politico di queste questioni.
La questione delle conseguenze del cattivo uso della tecnologia è prima di tutto una faccenda politica che coinvolge ogni livello della vita umana (la salute e i diritti) e riguarda ogni aspetto della sua relazione con la natura: l'aspetto sociale (perché l'uomo deve vivere in una società a rischio) e l'aspetto comunicativo, che riguarda la percezione umana del rischio che l'uomo corre. Questo rischio riguarda soprattutto le future generazioni. Questo è lo scopo dell'etica della responsabilità: lasciare agli uomini futuri una natura amichevole e non ostile, pronta a vendicare le ingiurie sofferte; ma saranno gli uomini capaci di abbracciare questa nuova etica? La paura di una probabile catastrofe ecologica non porta il nostro autore a un risultato pessimistico: Jonas coserva una moderata fiducia nella ragione e nella libertà dell'uomo. Invece noi affermiamo che la vulnerabilità della natura e gli effetti dannosi sul corpo umano, prodotti da alcune cattive applicazioni della tecnologia, mostrano che l'uomo fa anche un cattivo uso della sua ragione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Se ci troviamo sempre più sull‟orlo di una possibile crisi planetaria, se il mondo deve affrontare una quantità di problemi e di rischi mai presentatisi in passato e se il futuro della nostra civiltà tecnologica appare oggi quanto mai incerto, la colpa non è della scienza o della tecnologia – ovvero dell‟applicazione pratica delle scoperte scientifiche – bensì dell‟utilizzo assolutamente dissennato che noi uomini facciamo di entrambe. Le conquiste della scienza moderna sono, a dir poco, affascinanti. Negli ultimi due secoli, l‟uomo ha imparato molte più cose che in tutto il resto della lunga storia sua e della civiltà. Così, ora sappiamo sulle nostre origini e sull‟universo che ci circonda ciò che appena i nostri bisnonni neppure si sarebbero sognati di chiedere. Il progresso scientifico ha aperto nuovi straordinari orizzonti nella comprensione rigorosa del mondo in cui siamo nati e viviamo; per di più, numerose applicazioni pratiche di scoperte scientifiche sono risultate utili a scopi benefici e di pace. Oggi, però, il sempre più precario stato di salute del nostro pianeta e la spada di Damocle di un olocausto nucleare e di altri disastri su scala planetaria suscitano, soprattutto in alcune menti illuminate, una notevole preoccupazione. Le applicazioni belliche della scienza, inoltre, si rivelano sempre più potenti e micidiali, mentre proliferano le tecnologie civili sviluppate a scopo di lucro senza curarsi troppo dei loro possibili effetti sull‟uomo o sull‟ambiente. Dunque, la scienza sembra dover salire sul banco degli imputati, accusata di essere la prima responsabile dell‟attuale stato di degrado e del minaccioso futuro che si va prospettando per il nostro mondo e per la nostra civiltà. Eppure, la scienza non è, di per sé, né buona né cattiva. Gli ordigni nucleari, certi tipi di manipolazioni genetiche, l‟eccessivo inquinamento e tanti altri mali moderni che ci affliggono o ci preoccupano, non sono colpa dello sviluppo scientifico, bensì la conseguenza di errate scelte di fondo, che hanno privilegiato le applicazioni pratiche della scienza a fini distruttivi rispetto alle applicazioni a fin di bene. Mentre la scienza pura permette pian piano di decifrare e leggere il misterioso libro della natura, il potere politico e quello economico spesso finanziano lo studio di applicazioni tecnologiche delle

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ida Piluso Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3361 click dal 06/05/2011.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.