Skip to content

Il verbo in contesto di frase e in isolamento. Uno studio sperimentale del linguaggio afasico

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Giorgi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Linguistica
  Relatore: Florida Nicolai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Nella letteratura sono numerosi gli studi che valutano le prestazioni di soggetti afasici in compiti di produzione di parole singole; in particolare, con lo scopo di indagare la rappresentazione cerebrale di parole appartenenti a diverse categorie grammaticali, sono state ampiamente confrontate le differenze nella capacità di elaborare verbi o nomi. Molti autori hanno osservato un indebolimento prevalente nel denominare le azioni e nel produrre verbi in pazienti con afasia non-fluente e agrammatismo; viceversa un indebolimento nella produzione di nomi si osserva in soggetti con afasia anomica (Miceli et al., 1984, 1988; McCarthy & Warrington, 1985; Zingeser & Berndt, 1988, 1990; Caramazza & Hillis, 1991; Marshall et al., 1998; Collina et al., 2001; Hillis et al., 2002; Silveri et al., 2003; Laicona & Caramazza, 2004; Menichelli & Semenza, 2006).
La produzione di verbi può quindi essere dissociata da quella dei nomi; ma all’interno sia dei verbi, sia dei nomi vari parametri possono influenzarne la produzione: tra questi, la frequenza d’uso, in quanto generalmente le parole a bassa frequenza vengono recuperate con maggiore difficoltà rispetto a quelle ad alta frequenza; la complessità fonologica, data dalla struttura delle sillabe e dal loro numero; l’età di acquisizione, che sembra essere ancora più rilevante della frequenza d’uso e della familiarità nell’organizzazione mentale, influenza il grado di vulnerabilità, per cui, in caso di danno cerebrale, risulteranno più resistenti i lessemi acquisiti per primi (secondo la legge di Ribot); l’immaginabilità ecc. (Nicolai, 2003).
Pochi gli studi che confrontano le prestazioni di soggetti afasici in compiti di produzione orale di verbi isolati, cioè di denominazione, rispetto a compiti di produzione di verbi all’interno di frasi.
Con il presente lavoro ci siamo proposti di mettere a punto uno strumento di valutazione, per indagare se tale dissociazione è presente in tutti i soggetti afasici o solo in una parte e quindi di valutare se risulta essere più frequente in specifiche sindromi afasiche, ad esempio nell’afasia di Broca piuttosto che in quella di Wernicke. Inoltre, in riferimento alla letteratura, ci siamo proposti di valutare anche nel nostro campione le dissociazioni nomi/verbi e di tenere conto del parametro manipolabilità per i verbi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente studio valuta alcuni aspetti dell’uso del verbo nei pazienti afasici. Nello specifico si mette a confronto la produzione del verbo come forma “isolata” del lessico con la produzione del verbo in contesto di frase, allo scopo di valutare un’eventuale dissociabilità di prestazione ed eventuali connessioni con il tipo di afasia e/o con alcuni aspetti linguistici del verbo in oggetto. Il mio interesse per il linguaggio e le patologie linguistiche è nato nel corso degli studi universitari frequentando dapprima un seminario della Dott.ssa Taddei, che mi appassionò a tal punto da preparare la mia tesi triennale in lingue e letterature straniere, sotto il consiglio della mia relatrice Prof.ssa Florida Nicolai, su una particolare patologia linguistica, cioè la sindrome di Williams (“Linguaggio e gesto nel bambino Williams”). Il mio interesse sullo studio del cervello e sul suo funzionamento è continuato durante il corso di specializzazione in linguistica seguendo il corso della Prof.ssa Nicolai di neurolinguistica. Ho scelto l’afasia come argomento poichØ è una patologia frequente, non sempre molto conosciuta, il cui disturbo principale coinvolge il linguaggio causando forti difficoltà per una vita “normale”. Il lavoro è suddiviso in due parti. Nella parte introduttiva è descritta sinteticamente l’afasia: sono analizzate le principali sindromi afasiche, la riabilitazione, i disturbi categoria-specifici per nomi e verbi. Segue una rassegna degli studi clinici sull’elaborazione delle classi lessicali del nome e del verbo nei pazienti afasici. La seconda sezione è dedicata alla parte sperimentale condotta con la collaborazione di un gruppo di trenta soggetti afasici, ad ognuno dei quali sono stati somministrati sei test: tre test di ripetizione, lettura e denominazione di nomi e verbi come parole isolate (trenta nomi e trenta verbi), e tre test di ripetizione, lettura e produzione di frasi semplici (contenenti gli stessi verbi dei test precedenti). Prima di iniziare la somministrazione dei test ai pazienti afasici e ai soggetti di controllo, ho trascorso circa un mese di tirocinio presso il Presidio Ambulatoriale di Riabilitazione di San Leonardo in Treponzio (Lucca) per cercare di capire i problemi dei pazienti afasici: leggere e documentarsi sui libri e riviste è molto diverso dal trovarsi di fronte ai pazienti, toccando con mano il problema. In questo modo ho potuto capire le reali difficoltà. Questo periodo di preparazione è stato molto importante. Mi si è presentata una panoramica generale anche sul

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afasia
approccio lessicale
approccio semantico
approccio sintattico
cervello
doppia dissociazione
embodiment
frase
gesto
manipolabilità
nome
patologia linguistica
riabilitazione
sistema semantico lessicale
verbo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi