Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovo approccio nel campo della sicurezza del lavoro: Linee Guida per il Documento di Valutazione dei Rischi

Il presente elaborato nasce dall?esperienza di tirocinio svolto in Fleming Tecna, azienda che si occupa di progettazione ed erogazione di consulenza in materia di sicurezza del lavoro e aspetti ambientali, progettazione ed erogazione della formazione del lavoro ed erogazione del servizio di sorveglianza sanitaria sul personale delle aziende nell?ambito della medicina del lavoro. L?obiettivo principale del tirocinio è stato quello di realizzare delle Linee Guida per il Documento di Valutazione dei Rischi applicando tutte le disposizioni presenti all?interno del DLgs 81/08. Il lavoro ha permesso un nuovo approccio nel campo della sicurezza offrendo la possibilità a tutti i tecnici Fleming Tecna di interfacciarsi con una nuova e sicuramente più rapida guida per la stesura del documento.
Le Linee Guida sono state pensate e successivamente stese secondo quanto dispone il DLgs 81/08: la valutazione dei rischi deve consistere in un?analisi globale e documentata di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presentinell?organizzazione, deve essere finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo del livello di sicurezza e salute di tutto il personale presente in azienda. La tesi è articolata in 7 capitoli, attraverso i quali viene esposto gradualmente il percorso che è stato affrontato durante il tirocinio. Nel primo capitolo verrà descritta, in breve, la realtà del?azienda Fleming Tecna: come lavora l?azienda, il lavoro svolto in Fleming, la storia e cosa si intende per medicina del lavoro e sicurezza del lavoro. Il secondo capitolo è stato per lo più dedicato all?analisi del DLgs 81/08, prendendo in considerazione le novità introdotte rispetto al precedente decreto in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (DLgs. 626/96). È stata data attenzione anche al D.lgs. 123/07 e al decreto correttivo 106/09. Nel terzo capitolo vengono analizzati i fattori di rischio, le figure responsabili e di riferimento al D.lgs. 81/08, la struttura del Documento di Valutazione dei Rischi e il criterio generale adottato per la stesura di tale documento. Il quarto capitolo è interamente dedicato all?analisi e alla definizione delle Linee Guida, relative a tutti i rischi (normati e non normati), realizzate durante lo stage in Fleming Tecna e, solo per i rischi non normati, le Linee Guida saranno accompagnate da una breve descrizione del rischio corrispondente. Nel capitolo 5 verrà data una breve descrizione dei rischi normati, in seguito alla quale vi sarà un approfondimento delle Linee Guida del rischio videoterminali, rumore e vibrazioni, e un?analisi dettagliata delle specialistiche relative ai rischi movimentazione manuale dei carichi e movimenti ripetitivi che, come le Linee Guida, sono state implementate durante lo stage. Nel sesto e settimo capitolo vengono stese le Linee Guida del Documento Salute e Sicurezza (DSS) e del Documento informativo per affidamento lavori ditte esterne (DUVRI).

Mostra/Nascondi contenuto.
Il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro 17 Capitolo 2 Il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro 2.1 Sicurezza europea L‟Unione Europea non ha poteri legislativi ma è il Parlamento ad avere il potere di emanare norme che si chiamano direttive. Spetta poi ai singoli Parlamenti della comunità recepire queste direttive, adattandole ma non modificandole, nelle singole legislazioni nazionali. La Corte di Giustizia europea vigila in modo che gli stati nazionali recepiscano correttamente le direttive europee, prende provvedimenti tramite sanzioni pecuniarie, ed obbliga alla revisione delle leggi nazionali. L‟Italia è tra i paesi che ha subito condanne per la difforme applicazione delle direttive. Il sistema delle direttive europee si attua attraverso un articolato sistema relazionale: partecipazione attiva e collaborazione da parte di tutti i soggetti coinvolti nell‟ambiente di lavoro. Qualità, ambiente e sicurezza è l‟obiettivo del sistema di gestione integrato che sta alla base della strategia europea. Il 12 giugno 1989 viene approvata la direttiva quadro che modifica radicalmente il processo della sicurezza sul lavoro: 391/89 (miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro). In seguito:  654/89: sicurezza e salute nei luoghi di lavoro;  655/89: sicurezza per le attrezzature di lavoro;  656/89: dispositivi di protezione individuale;  269/90: movimentazione manuale dei carichi;  270/90: sicurezza sul lavoro ai video terminali;  394/90: protezione da agenti cancerogeni;  679/90: protezione da agenti biologici. [11]

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Elena Fontana Contatta »

Composta da 328 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 27/04/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.