Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fattori di rischio coinvolti nella trasmissione intrafamiliare dell'Human Herpesvirus 8 (HHV-8) in aree endemiche

Gli alti livelli di sieroprevalenza dell'Human herpesvirus-8 (HHV-8) e di incidenza del sarcoma di Kaposi già in età infantile registrati in Uganda, indicano l'esistenza di una modalità di trasmissione orizzontale intrafamiliare del virus, oltre alla nota via sessuale. Non sono state definite chiaramente le dinamiche di passaggio dell'HHV-8 da madre a figlio; numerose evidenze indicano che la fonte di contagio è la saliva dei soggetti sieropositivi che, periodicamente, contiene i virioni. Si ritiene che il virus possa essere trasmesso dalla madre al figlio attraverso l'applicazione di saliva infetta sulla cute del bambino per lenire il fastidio dovuto alla puntura di un artropode ematofago. Allo scopo di valutare se in Uganda esistono le condizioni favorevoli alla trasmissione dell'HHV-8 attraverso queste modalità, sono stati intervistati 130 bambini (3-13 anni). Le domande del questionario avevano lo scopo di indagare sull'uso della saliva, sulla reazione cutanea alla puntura d'insetto (prurito, irritazione, gonfiore e dolore) e sui fattori ambientali (raccolte d’acqua e animali domestici e da cortile) che incrementano la presenza di artropodi ematofagi. A questo scopo sono stati prelevati campioni di saliva dai bambini e dalle rispettive madri per rivelare la presenza del DNA dell'HHV-8 mediante PCR Real Time. I risultati mostrano che i sintomi dovuti alla reazione infiammatoria ricorrono frequentemente e che al 35.45% dei bambini intervistati viene applicata la saliva materna in seguito alla puntura dell'artropode, e che inoltre i bambini risultano esposti ai fattori ambientali considerati. L'analisi statistica evidenzia correlazioni significative tra l'utilizzo della saliva e il gonfiore e tra i fattori ambientali e i sintomi della reazione infiammatoria. Il DNA virale risulta presente nel 23.85% delle madri e nell'11.44% dei bambini. La presenza del DNA virale nella saliva risulta associata al sesso femminile (sex ratio 13:2) e alla fascia di età 7-13 anni. Dai dati emerge che in Uganda esistono condizioni favorevoli al passaggio dell'HHV-8 da madre a figlio attraverso la saliva usata per lenire il fastidio dovuto alla puntura di un insetto ematofago.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1. Human herpesvirus 8 e le patologie correlate 1.1 Cenni storici Nel 1872 il dermatologo ungherese Moritz Kaposi (1837-1905) descrisse per la prima volta, in cinque pazienti anziani, una rara forma di sarcoma della pelle che chiamò “sarcoma multiplo pigmentato idiopatico” ( Kaposi, 1872 ). Successivamente questa condizione patologica prese il nome dal suo scopritore ed è nota ancora oggi come “Sarcoma di Kaposi” (KS). Per oltre un secolo è stato considerato un tumore relativamente raro che si manifestava dopo i 60 anni d'età e presentava un decorso clinico molto lento ( Dorffel , 1932 ). Il KS colpiva prevalentemente pazienti anziani dell'Europa Mediterranea ed Orientale, tuttavia elevati tassi di incidenza del tumore si registravano anche in Africa centrale dove una forma particolarmente maligna colpiva i bambini (Sarmati 2004). Negli anni Sessanta i pazienti sottoposti ai primi trapianti di organo presentavano un tasso di incidenza del sarcoma di Kaposi superiore a quello della popolazione generale (Penn, 1988). L'esplosione epidemica di questo tumore in gruppi di omosessuali maschi affetti da AIDS, ha consolidato l'ipotesi, basata all'epoca solo su dati epidemiologici, di un'eziologia infettiva del sarcoma (Biggar, 1990; Patil et al., 1995) . E' stato infatti necessario attendere più di dieci anni prima che l'agente eziologico del KS venisse identificato. L' Human herpesvirus 8 (HHV8), detto anche herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi (KSHV), è stato isolato per la prima volta da Chang e collaboratori da tessuti di pazienti affetti da AIDS e sarcoma di Kaposi (Chang et al., 1994). Si tratta del primo virus umano identificato con tecniche di biologia molecolare: l'amplificazione differenziale (representational difference analysis) ha consentito l'individuazione di piccoli frammenti di DNA virale nelle lesioni cutanee dei pazienti selezionati. La 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Silvia Gramolelli Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2129 click dal 09/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.