Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Umanesimo veronese nei manoscritti della Biblioteca Capitolare di Verona. Per un catalogo

Si tratta della catalogazione dei manoscritti umanistici (fine XIV - metà XVI sec.) di ambito veronese custoditi presso la Biblioteca Capitolare di Verona. Per "ambito veronese" si intenda contenente opere umanistiche di almeno un autore veronese o sicuramente scritto a Verona.
L'introduzione dà conto di alcune novità emerse grazie a questo lavoro.
Ogni manoscritto è stato catalogato con una scheda in cui vengono indicati i caratteri esterni e interni, la storia e la bibliografia.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI Introduzione Agli inizi di questo secolo don Antonio Spagnolo compilò quello che ancora oggi è il catalogo dei manoscritti della Biblioteca Capitolare di Verona 2 ; anche il suo lavoro rimase manoscritto per novant’anni, fino a che nel 1997 Silvia Marchi ne curò la pubblicazione. Si potrebbe affermare che nel Novecento i tesori della Capitolare sarebbero rimasti semisepolti sugli scaffali, conosciuti solo dagli studiosi veronesi e dai loro corrispondenti, se Paul Oskar Kristeller non avesse posto mano all’Iter Italicum 3 , che tuttavia è una cernita dei soli manoscritti umanistici e quindi esamina un’ottantina di codici sui più di mille custoditi alla Capitolare, fornendone solo il contenuto. Mons. Turrini, direttore della Capitolare dal ‘22 al ‘69 e il suo successore Mons. Alberto Piazzi coi collaboratori don Giuseppe Zivelonghi e Claudia Adami avvertirono la mancanza di strumenti che divulgassero le opere contenute in quella che è una delle più ricche e importanti raccolte di codici, e diedero allo stampe dei lavori che prendono in esame alcuni settori della biblioteca 4 ; anche se parziali e in gran parte basate sul catalogo ormai datato dello Spagnolo, queste opere sono comunque un utile viatico per la conoscenza di parte della raccolta manoscritta della Capitolare. 2 A. SPAGNOLO, I Manoscritti della Biblioteca Capitolare di Verona, Catalogo descrittivo redatto da don Antonio Spagnolo, a cura di S. MARCHI, Verona 1997. 3 P.O. KRISTELLER, Iter Italicum. A Finding List of Uncatalogued or Incompletely Catalogued Humanistic Manuscripts of the Reinassance in Italian and Other Libraries, VI, London-Leiden 1963-1992. 4 Millennium scriptorii veronensis dal IV al XV secolo. Esempi di scrittura veronese scelti da preziosi tesori della Biblioteca Capitolare di Verona, con una introduzione italiano-inglese, a cura di G. TURRINI, Verona 1967; Veronensis Capitularis Thesaurus, a cura di G. ZIVELONGHI, C. ADAMI, A.M. FACCINI, Verona 1990; A. PIAZZI e G. ZIVELONGHI, La tradizione veronese nelle miniature dei codici capitolari, Verona 1984; A. PIAZZI, Biblioteca Capitolare. Verona, Fiesole 1994; A Parigi e ritorno, Codici e incunaboli della Biblioteca Capitolare requisiti dai Francesi nel 1797, con una pref. di A. PIAZZI, Verona 1997.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giovanni Cavarzere Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1706 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.