Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di Assicurazione tra passato e futuro: le assicurazioni sanitarie

Le assicurazioni sanitarie sono un istituto relativamente nuovo e poco diffuso in Italia. La tesi in questione analizza le particolarità di questo istituto partendo dalle peculiarità rispetto ai più classici rami assicurativi e ne traccia un profilo dello sviluppo nel nostro paese analizzando quanto avvenuto in precedenza nel contesto europeo in materia. Infine viene compiuto un parallelo tra Italia e America, paesi agli estremi opposti per organizzazione della sanità, quanto mai utile in un momento di profondo cambiamento come quello attuale con la recente approvaione della riforma Obama.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La polizza malattia è un contratto poco conosciuto, e quindi diffuso, in Italia. Non potrebbe essere altrimenti nel paese che, secondo la totalità delle statistiche internazionali, vanta una delle migliori sanità al mondo. Un sistema sanitario garantito da un intervento dello stato che si presenta sin dalla sua nascita nel '78 come universale; concepito, nel dettato Costituzionale come strumento per la tutela piena della totalità della popolazione italiana. Queste erano le premesse della sanità pubblica, la cui attuale situazione, non viene del tutto centrata dalle statistiche; una situazione di costi in costante crescita e conseguente arretramento delle prospettive statali che, nel tentativo di far rientrare il deficit perenne in cui versa la gestione pubblica della salute, ha portato, in particolare negli ultimi 10 anni ad un netto ripensamento del ruolo del Sistema Sanitario Nazionale. Non più copertura completa di qualsiasi bisogno del cittadino in materia sanitaria, ma Livelli Minimi di Assistenza. Non più gestione statale di ogni aspetto, con un sistema unico di raccolta dei fondi ed erogazione diretta dei servizi, ma piuttosto sistema di finanziamento federale, aziende sanitarie locali, e aziende ospedaliere, ciascuno con proprie prerogative e responsabilità diretta sia in termini economici che di prestazioni erogate. Questo porta, per quanto riguarda il singolo cittadino, una sempre maggior richiesta di contributi diretti per usufruire dei servizi sanitari, leggi ticket, e una più ristretta gamma di servizi offerti. Il fallimento dei tentativi di ridurre la spesa complessiva, sono ricaduti direttamente sui privati, rendendo l'Italia il paese con la spesa out of pocket, ossia la spesa diretta delle famiglie, tra le più alte d'Europa. 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Plebani Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3277 click dal 05/05/2011.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.