Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Creatività e distruttività - Il caso: Adolf Hitler tra arte e perversione

Tanto si è detto e tanto si è scritto su Adolf Hitler. Ma qual è davvero la verità? Quali sono i motivi reali per i quali è diventato uno dei più grandi assassini di massa della storia mondiale?
I motivi possono essere innumerevoli, tanti quante sono le sfumature dell’uomo.. Tanti quante sono, come ha detto una volta il mio relatore, le note dell’anima..
Tenteremo d’individuarli attraverso l’analisi del caso, il pensiero di alcuni autori che si sono occupati di lui, attraverso le sue parole e i suoi disegni, proveremo a fare un viaggio nella sua mente, così come si suppone sia stata, tenteremo d’inquadrare la sua personalità in qualche categoria esistente di disturbi, tenendo sempre ben presente che quando si parla di esseri umani nessuna categoria è assolutamente giusta o sbagliata...

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “C’è sempre un grano di logica nell’amore,così come c’è sempre un grano di logica nella follia.” Nietzsche “… Ciò che non mi distrugge mi rende più forte.” Nietzsche “Se volete capire l’artista,guardatene l’opera. Non si può capire e apprezzare Picasso senza studiarne i dipinti,e i serial killer pianificano il loro lavoro con la stessa accuratezza di un pittore. Per loro,si tratta di arte e non smettono mai di ritoccare e perfezionare” John Douglas,Profiler “C’è un parallelismo fra arte e omicidio. Entrambi sono una questione di estetismo. Ed entrambe ti danno una strana sensazione di essere come Dio... L’arte è creazione. L’omicidio è annientamento. Quando sei capace di padroneggiare questi strumenti,è come se tu entrassi in un mondo di potenza senza fine... Ti senti di aver raggiunto la vera essenza della vita... e forse è questo il motivo per cui così tanti assassini diventano artisti instancabili quando sono in prigione. Cercano di compensare il desiderio di uccidere con la potenza della creazione. Creazione e distruzione si sviluppano dalle stesse mani...” Nicholas Claux,Serial Killer Tanto si è detto e tanto si è scritto su Adolf Hitler. Ma qual è davvero la verità? Quali sono i motivi reali per i quali è diventato uno dei più grandi assassini di massa della storia mondiale? I motivi possono essere innumerevoli,tanti quante sono le sfumature dell’uomo.. Tanti quante sono,come ha detto una volta il mio relatore,le note dell’anima.. Tenteremo d’individuarli attraverso l’analisi del caso,il pensiero di alcuni autori che si sono occupati di lui,attraverso le sue parole e i suoi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Investigazione

Autore: Stefania Virone Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4644 click dal 03/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.