Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione e costruzione di una superficie di controllo per l'elaborazione del suono

L'idea di costruire uno strumento è nata dal mio amore per la musica e dal desiderio di poter dare l'opportunità di suonare e comporre a chi non ha le competenze tecniche e/o la possibilità di poterlo fare. Il mio pensiero era rivolto a chi non ha mai avuto l'opportunità o il tempo di dedicarsi allo studio di uno strumento, ma anche a bambini, anziani, persone diversamente abili.
Saper suonare uno strumento musicale richiede impegno e molta pratica; bisogna acquisire un minimo di competenza tecnica per far sì che da uno strumento si possa ottenere un suono “piacevole” all'orecchio; al contrario, siamo tutti capaci di colorare un foglio seppure ognuno a proprio modo e con uno stile personale. Lo strumento che ho progettato nasce proprio da questa riflessione e permette di suonare con l'ausilio del colore.
Essendo quest'ultimo l'elemento maggiormente preso in considerazione, il nome che ho pensato per lo strumento è: cromòfono.
Il funzionamento dello strumento musicale è stato testato in una serie di incontri settimanali con gli ospiti del CLGEnsemble, un laboratorio di ricerca sonoro-musicale.
All'interno della struttura vengono elaborati, attraverso l'improvvisazione, progetti di ricerca sonora dove la riqualificazione della testimonianza di ciascun ospite è posta al centro del percorso musicale di ogni progetto.
Da qui è nata l'esigenza di avvicinarmi alla musicoterapia e all'arteterapia, l'insieme delle tecniche e delle metodologie che utilizzano le attività artistiche sonore e visuali come mezzi terapeutici, fondamentali per stabilire il tipo di approccio più idoneo per raggiungere risultati positivi con i ragazzi. Il tema del primo capitolo sono perciò le potenzialità intrinseche nella musica e nel disegno come mezzo di espressione, linguaggi alternativi.
Il secondo capitolo è incentrato sulla classificazione degli strumenti musicali, dai primi tentativi a quelli contemporanei, per poter collocare il cromofono all'interno di una gran quantità eterogenea di strumenti realizzati negli ultimi anni.
Nel terzo capitolo è illustrato il profondo cambiamento nel rapporto uomo-macchina con la nascita delle superfici di controllo. Vengono descritti esempi e tipologie.
Nel capitolo successivo spiego nel dettaglio l'idea che ha dato vita al cromofono, la sua realizzazione e il suo funzionamento. Si parte da una spiegazione generale per arrivare ad una più squisitamente tecnica. Sono oggetto del suddetto capitolo anche le potenzialità e le caratteristiche che lo accomunano ad altre superfici di controllo dalle quali ho tratto spunti ed elementi di confronto.
Il quinto e ultimo capitolo è dedicato alle prove per testare il cromofono, alla risoluzione di problemi che via via venivano riscontrati durante il suo utilizzo, alle migliorie e varianti apportate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L'idea di costruire uno strumento è nata dal mio amore per la musica e dal desiderio di poter dare l'opportunità di suonare e comporre a chi non ha le competenze tecniche e/o la possibilità di poterlo fare. Il mio pensiero era rivolto a chi non ha mai avuto l'opportunità o il tempo di dedicarsi allo studio di uno strumento, ma anche a bambini, anziani, persone diversamente abili. Saper suonare uno strumento musicale richiede impegno e molta pratica; bisogna acquisire un minimo di competenza tecnica per far sì che da uno strumento si possa ottenere un suono “piacevole” all'orecchio; al contrario, siamo tutti capaci di colorare un foglio seppure ognuno a proprio modo e con uno stile personale. Lo strumento che ho progettato nasce proprio da questa riflessione e permette di suonare con l'ausilio del colore. Essendo quest'ultimo l'elemento maggiormente preso in considerazione, il nome che ho pensato per lo strumento è: cromòfono . Il funzionamento dello strumento musicale è stato testato in una serie di incontri settimanali con gli ospiti del CLGEnsemble, un laboratorio di ricerca sonoro-musicale. All'interno della struttura vengono elaborati, attraverso l'improvvisazione, progetti di ricerca sonora dove la riqualificazione della testimonianza di ciascun ospite è posta al centro del percorso musicale di ogni progetto. Da qui è nata l'esigenza di avvicinarmi alla musicoterapia e all'arteterapia, l'insieme delle tecniche e delle metodologie che utilizzano le attività artistiche sonore e visuali come mezzi terapeutici , fondamentali per stabilire il tipo di approccio più idoneo per raggiungere risultati positivi con i ragazzi. Il tema del primo capitolo sono perciò le potenzialità intrinseche nella musica e nel disegno come mezzo di espressione, linguaggi alternativi. Il secondo capitolo è incentrato sulla classificazione degli strumenti musicali, dai primi tentativi a quelli contemporanei, per poter collocare il cromofono all'interno di una gran ~ 6~

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Ludwig Parentela Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 767 click dal 09/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.