Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La meccanica delle matrici di Heisenberg

La tesi ripercorre le tappe salienti che hanno portato alla formulazione della Meccanica Quantistica, con particolare attenzione alla meccanica ondulatoria di Schrodinger e soprattutto alla meccanica matriciale ideata da Heisenberg e poi sviluppata da Born e Jordan. Corredata di contestualizzazione storica e sviluppo formale, nella tesi si analizzano le implicazioni critico-filosofiche di quest'ultimo approccio, per poi focalizzare l'attenzione sull'unificazione operata da Dirac. Per ultime, si affrontano le rappresentazioni di Schrodinger e Heisenberg, nell'ambito della teoria degli spazi di Hilbert.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L’evoluzione della meccanica quantistica Si partir a accennando a quelle che sono state le tappe principali verso lo sviluppo della teoria quantistica. Attraverso un approccio storico e con- cettuale, saranno tralasciati sviluppi formali o descrizioni dettagliate degli esperimenti cruciali, spostando l’attenzione sulla naturale consequenzialit a delle idee: punto fondamentale sar a l’origine della teoria, per poi passare alla descrizione della vecchia teoria dei quanti di Bohr e Sommerfeld, mettendone in risalto le relative regole di quantizzazione. Verr a inoltre presentata, in sintesi, la meccanica ondulatoria di Schr odinger con particolare riferimento all’ipotesi di de Broglie, supporto teorico sulla quale e basata. 1.1 Le origini Le idee precorritrici della meccanica quantistica sono ascrivibili sostanzial- mente a due opere fondamentali, relative alla teoria dei quanti di luce, dovute a Max Planck (1900) e Albert Einstein (1905), a cui vanno aggiunte la teo- ria dei calori specici, sempre dovuta ad Einstein (1906) e la quantizzazione delle orbite elettroniche in un atomo, da attribuire a Niels Bohr e ad Arnold Sommerfeld (1913). Con queste nuove scoperte si chiuse il predominio dei concetti della dinamica e dell’elettrodinamica classica nell’interpretazione 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giuseppe Iacobellis Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1651 click dal 09/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.