Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sessualità nel novellino di Masuccio Salernitano

In questo lavoro intendo analizzare la sessualità presente nel Novellino di Masuccio Salernitano. In ben 34 novelle, sulle 50 totali, l'autore ci descrive le notti passionali degli ecclesiastici, delle mogli traditrici e dei giovani innamorati.
Si sottolinea nella tesi l'umore dei protagonisti e lo stato d'animo con cui viene vissuto il rapporto sessuale, che in 16 novelle è analizzato superficialmente (“godere”, “conoscere carnalmente”, “ingravidare”, “possedere”), mentre in 18 novelle l'analisi diviene minuziosa con l'utilizzo di forti metafore sessuali che trasformano le donne in «rapacissime e libidinose lupe» o in «cavalle selvagge». In questo studio si vedrà che il godimento non è direttamente proporzionale al ceto sociale dei protagonisti ma a riscaldare gli animi bollenti è invece il luogo del godimento, in particolare i luoghi inusuali.
Al centro della tesi emerge il forte anticlericalismo e la misoginia di Masuccio in quanto, i frati e le mogli traditrici, si ritrovano ad essere rappresentati quasi come macchine del sesso, mirati non al raggiungimento del vero godimento d'amore, bensì a placare le loro lussuriose voglie. La razionalità, il pudore, il buon senso viene messo da parte e il tutto si riduce al gretto atto sessuale.
Si nota nella tesi come Masuccio plachi i toni nel trattare della sessualità dei giovani innamorati. L'autore qui non sembra più condannare il «fimineo sesso» ma lo esalta, sottolineandone la dignità, la virtù e il profondo amore. Dona proprio ai giovani innamorati l'antidoto per la consapevolezza del vero amore, dove amare non significa godere o soddisfare le proprie voglie sessuali, ma è l'elemento indispensabile per vivere. Per i veri innamorati, infatti, senza amore non c'è vita.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE GLI ATTI SESSUALI NEL NOVELLINO DI MASUCCIO SALERNITANO In questo lavoro intendo esaminare la vita sessuale presente nel Novellino di Masuccio Salernitano. 1 L'opera è composta da 50 novelle e in ben 34 di esse Masuccio ci parla degli atti sessuali dei suoi personaggi. In 31 novelle gli incontri amorosi vengono già anticipati nell'Argomento (con l'utilizzo di verbi quali “godere”, “giacere”, “conoscere carnalmente”, “ingravidare”, “possedere”, “amare”) per poi essere analizzati minuziosamente (16 Novelle) o superficialmente (18 Novelle) nella Narrazione. In 6 racconti l'atto sessuale è compiuto da frati con donne sposate 2 e in 2 novelle si ha il rapporto amoroso tra frati e donne vergini (novelle II e VI) , per un totale di 8 novelle che vedono protagonisti il ceto sociale degli ecclesiastici. Le protagoniste degli atti sessuali sono donne sposate con uomini appartenenti all'alta borghesia in 1 novella (un uomo ricco nella novella VII), alla media borghesia in 3 novelle (un medico nella novella III, un giudice nella novella XIII e un orefice nella novella XXXII) alla piccola borghesia in 14 racconti, 3 mogli di cavalieri in 3 novelle (novelle XXIV, XXVIII e XLV) e vi è anche la moglie di 1 Utilizzo Il Novellino nell'edizione di Luigi Settembrini, a cura di Nigro S.S. (BUR Milano 2008³), indicando semplicemente di ogni novella il capitolo e il numero delle pagine dell'edizione di riferimento. 2 Novelle III, V, VII, IX, XV e XXIX. 3 Di questi 3 poveri legnaiuli nelle novelle V, XV e XXIX; 3 contadini nelle novelle IX, XLI e XLIV; 2 oste nelle novelle XII e XXXIV; 2 calzolai nelle novelle XI e XXXVI; un corsaro nella novella XXII; un molinaro nella novella XXXVI; un marinaio nella novella XXXVIII e un argentiere nella novella XL.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Giuseppina Coticella Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1108 click dal 03/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.