Skip to content

Visitas de Italia. Un caso di corruzione nella Puglia del Seicento: ''il proceso contra Muzio De Angelis, perceptor de la provincia de Bari''

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Patisso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Angelo Massafra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Oggetto di questa tesi è lo studio di numerosi documenti d’accusa, prodotti durante la visita effettuata tra il 1607 e il 1612 dal visitatore Juan Beltran de Guevara, “uomo di grande cultura e versatilità,” contro il percettore della terra di Bari Muzio de Angelis e i suoi commissari per “l’infrascritti aggravij et estorssioni” commessi nei confronti delle “università” e dei privati cittadini del Regno di Napoli.
La tesi si divide in due parti: nella prima (che comprende due capitoli) esamino, alla luce della più recente letteratura sull’argomento, alcuni aspetti del processo di formazione dello Stato Moderno in Europa e in particolare la costruzione di sempre più estesi e numerosi apparati burocratici, attraverso la pratica della venalità degli uffici, con i connessi fenomeni di diffusione della corruzione nelle strutture dello Stato; esamino, altresì, in termini generali, l’organizzazione amministrativa del viceregno di Napoli in età moderna ed il fenomeno della venalità degli uffici e della corruzione. Nella seconda parte (terzo e quarto capitolo) tratto delle origini e degli scopi delle Visite Generali, soffermandomi su quelle svolte nel Viceregno, e analizzo - attraverso documenti inediti dell’epoca, - una serie di testimonianze e accuse nei confronti di Muzio de Angelis, percettore della provincia di Bari, raccolte dall’allora visitatore Juan Beltran de Guevara.
La scelta dell’argomento è stata dettata dalla volontà di approfondire, attraverso lo studio dei documenti originali dell’epoca, la reale diffusione della corruzione nelle strutture amministrative periferiche del Regno di Napoli, additato dagli storici come esempio di malgoverno; un malgoverno che, rivelando e provocando mancanza di rispetto per le istituzioni, produce una generalizzata diffusione della corruzione e una attenuazione delle difese sociali contro le sue manifestazioni più visibili.
Dai documenti studiati, riguardanti essenzialmente le accuse contro Muzio De Angelis, si evince che lo stesso Muzio era una persona molto potente sia perché disponeva di personale armato alle sue dipendenze (i “commissari”) - dai quali si faceva circondare ed insieme ai quali terrorizzava la popolazione della provincia barese - sia per gli importanti appoggi di amici e parenti di cui poteva godere all’interno della Regia Camera e della Vicaria. Le collusioni con elementi delle magistrature centrali e il potere che i percettori esercitavano su intere province del Viceregno, considerate quasi una sorta di feudi personali da spremere e taglieggiare a piacimento, rendevano la Visita uno strumento giuridico indispensabile per assicurare quella giustizia tanto invocata, ma raramente conseguita, dalla popolazione del Regno.
Ho potuto constatare che ancora nella storiografia italiana non si sia prestata una sufficiente attenzione alle visitas e che le ricerche finora effettuate non tengano adeguatamente conto degli studi compiuti in Francia e in Spagna. Per questo l’auspicio è che gli studi sull’argomento vadano avanti in quanto si tratta di una ricerca da cui la conoscenza della storia del Regno di Napoli tra XVI e XVII secolo uscirà sicuramente più arricchita e articolata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Oggetto di questa tesi è lo studio di numerosi documenti d’accusa, prodotti durante la visita effettuata tra il 1607 e il 1612 dal visitatore Juan Beltran de Guevara, “uomo di grande cultura e versatilità,” 1 contro il percettore della terra di Bari Muzio de Angelis e i suoi commissari per “l’infrascritti aggravij et estorssioni” 2 commessi nei confronti delle “università” e dei privati cittadini del Regno di Napoli. La tesi si divide in due parti: nella prima (che comprende due capitoli) esamino, alla luce della più recente letteratura sull’argomento, alcuni aspetti del processo di formazione dello Stato Moderno in Europa e in particolare la costruzione di sempre più estesi e numerosi apparati burocratici, attraverso la pratica della venalità degli uffici, con i connessi fenomeni di diffusione della corruzione nelle strutture dello Stato; esamino, altresì, in termini generali, l’organizzazione amministrativa del viceregno di Napoli in età moderna ed il fenomeno della venalità degli uffici e della corruzione. Nella seconda parte (terzo e quarto capitolo) tratto delle origini e degli scopi delle Visite Generali, soffermandomi su quelle svolte nel Viceregno, e analizzo - attraverso documenti inediti dell’epoca, - una serie di testimonianze e accuse nei confronti di Muzio de Angelis, percettore della provincia di Bari, raccolte dall’allora visitatore Juan Beltran de Guevara. Le visitas erano ispezioni inviate dal re di Spagna nei vari domini della corona iberica per controllare ed inquisire nelle istituzioni 1 E. Gentile, Ibidem, p. 12. 2 (AGS) Visitas de Italia, Estado Napoles, leg. 132-10.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filippo ii
filippo iii
pesquisa
regno di napoli
visitas de italia
muzio de angelis
storia moderna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi