Skip to content

L'esperienza della Bottega di Gassman a Firenze

Informazioni tesi

  Autore: Martina Cipriani
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Zeffiro Ciuffoletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

L'esperienze dalla Bottega nasce a Firenze nel 1979 grazie ad Alfonso Spadoni che a quel tempo era il direttore della Pergola. Già dagli inizi degli anni 70 Firenze era 'attraversata' da un forte fermento culturale, tanto che, capendo l'importanza della Cultura, nel 1975 nasce l'Assessorato alla Cultura, che andrà in mano a Franco Camarlinghi, Pci, e con cui il progetto della Bottega prese vita. Le selezioni per l'Italia, il debutto dello spettacolo Fa male, il Teatro in cui venivano selezionati degli aspiranti allievi prima di ogni spettacolo e le tante speranze di buona riuscita, caratterizzarono il primo periodo della Bottega. Così, quando fu selezionato un numero sufficiente di allievi, iniziò il Corso preliminare, in cui grandi nomi dello spettacolo tennero delle lezioni per gli allievi presso il Saloncino della Pergola, la sede provvisoria della Bottega. Da non dimenticare il 'fermento' culturale e politico di Firenze in quegli anni: le grandi mostre medicee, la Rassegna dei Teatri Stabili, Kantor a Firenze, ma non solo questo. Nel 1980 l'Assessorato alla Cultura passò dal Pci al Psi, da quel momento i socialisti presero in mano ogni aspetto che riguardasse la Bottega di Gassman.
Nel secondo capitolo invece viene trattato il periodo d'oro della Bottega, ossia gli anni che videro in via Santa Maria - in quello che oggi è il Saloncino Goldonetta - la sede definitiva della scuola.
La convenzione col Comune di Firenze, unico vero finanziatore dell'attività e i costi di gestione sempre più elevati.
Ed infine nel terzo capitolo, viene trattato il periodo più duro per le sorti della Bottega: la fase in cui la scuola, costretta a spostarsi in altre sedi, per via dei lavori di ristrutturazione in via Santa Maria, perde prima Gassman, (il quale si dimette dall'incarico di direttore per lasciarlo a Vittorio Esposito), per poi perdere anche la convenzione nel '92 col Comune di Firenze: eventi che porteranno la Bottega alla chiusura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi è frutto di un ampio lavoro di ricerca che mi ha portato dopo molti mesi a ricostruire le vicende della Bottega di Gassman dalle origini nel 1979 fino alla sua chiusura nel 1992. Ho cercato di rendere questa tesi il più esauriente e completa possibile: ho cercato nei giornali dell'epoca le notizie che potevano interessarmi, sono andata in molti luoghi dove erano sparsi i vari documenti che trattavano delle vicende della Bottega e ho parlato con politici e i personaggi di quel tempo che si interessarono della vicenda. Alla Biblioteca della Pergola Alfonso Spadoni ho trovato dei documenti che testimoniavano come, e grazie a chi, ha preso avvio l'iniziativa. Infatti tutto parte da quelle stanze, dove in vecchi faldoni impolverati ho trovato tante foto degli ex allievi e dei maestri, bozze di lettere e di discorsi, domande di iscrizioni alla Bottega e tanto altro ancora. Forse non sarebbero neanche state più aperte quelle scatole chiuse ormai da anni. Quando ho avuto tra le mani quei fogli, un pò sgualciti dal tempo, era come se un pezzo di storia di Firenze prendesse nuovamente vita. Ho scoperto così che proprio grazie ad un'idea di Alfonso Spadoni, l'allora direttore della Pergola e con il consenso di Franco Camarlinghi, ex Assessore alla Cultura, (Pci), venne chiesto a Vittorio Gassman di creare a Firenze la Bottega dell'attore. Era il 1979, e da quell'inverno tutto prese vita. Le selezioni per l'Italia, il debutto dello spettacolo Fa male, il Teatro in cui venivano selezionati degli aspiranti allievi prima di ogni spettacolo e le tante speranze di buona riuscita, caratterizzarono il primo periodo della Bottega. Così, quando fu selezionato un numero sufficiente di allievi, iniziò il Corso preliminare, in cui grandi nomi dello spettacolo tennero delle lezioni per gli allievi presso il Saloncino della Pergola, la sede provvisoria della Bottega. Da non dimenticare il 'fermento' culturale e politico di Firenze in quegli anni: le grandi mostre medicee, la Rassegna dei Teatri Stabili, Kantor a Firenze, ma non solo questo. Nel 1980 l'Assessorato alla Cultura passò dal Pci al Psi, da quel momento i socialisti presero in mano ogni aspetto che riguardasse la Bottega di Gassman. Nel secondo capitolo invece viene trattato il periodo d'oro della Bottega, ossia gli anni che videro in via Santa Maria - in quello che oggi è il Saloncino Goldonetta - la sede definitiva della scuola. La convenzione col Comune di Firenze, unico vero finanziatore dell'attività e i costi di gestione sempre più elevati. Ed infine nel terzo capitolo, viene trattato il periodo più duro per le sorti della Bottega: la fase in cui la scuola, costretta a spostarsi in altre sedi, per via dei lavori di ristrutturazione in via Santa Maria, perde prima Gassman, (il quale si dimette dall'incarico di direttore per lasciarlo a Vittorio Esposito), per poi perdere anche la convenzione nel '92 col Comune di Firenze: eventi che porteranno la Bottega alla chiusura. Questa ricerca, naturalmente, merita di essere ampliata ancora di più, perché rappresenta la prima ricerca di ricostruzione delle vicenda della Bottega di Gassman. Spero che questa tesi sia anche un'occasione di riflessione sulle vicende politiche fiorentine di quel tempo, oltre che una ''semplice'' lettura. . 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bottega
firenze
gassman
pergola
politica
spadoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi