Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Supportare l'esperienza di visita al museo attraverso oggetti interattivi e interfacce tangibili. Il caso studio del Museo delle culture di Lugano

La tesi affronta il tema del design di oggetti interattivi e di interfacce tangibili in grado di stimolare e arricchire le visite ai musei riuscendo ad integrare ed adeguare la tecnologia ai comportamenti umani.
La sfida consiste nell’utilizzare dispositivi elettronici, mediati da oggetti che funzionano come input device e riuscire a mantenere comunque un rapporto diretto tra visitatore e opera d’arte.
Partendo dai metodi e le linee guida dell’interaction design, presenteremo il caso studio del Museo delle culture di Lugano, in cui ci siamo occupati di creare delle installazioni ad hoc per diversi tipi di utenti che visitano il museo. Queste installazioni devono poter veicolare i contenuti del Museo e creare maggior coinvolgimento degli utenti durante la visita, riuscendo a dare l’impressione di stare partecipando ad una scoperta.
Individuiamo nella personalizzazione dei contenuti, nel design dell’interazione e nel rapporto tra tangibile e realtà aumentata, un valore aggiunto per ricreare quella che noi chiamiamo una “nuova esperienza del museo”.

Mostra/Nascondi contenuto.
5    Introduzione Questa tesi affronta il tema del design di oggetti interattivi e di interfacce tangibili in grado di stimolare e arricchire le visite ai musei riuscendo ad integrare ed adeguare la tecnologia ai comportamenti umani. La sfida consiste nell’utilizzare dispositivi elettronici, mediati da oggetti che funzionano come input device e riuscire a mantenere comunque un rapporto diretto tra visitatore e opera d’arte. Il primo capitolo espone vari progetti che utilizzano le interfacce tangibili come forma di interazione naturale e analizza il rapporto tra i musei e le nuove tecnologie. Nel secondo capitolo saranno delineati i punti cardine della disciplina dell’interaction design, per poi presentare (capitolo 3) il caso studio del Museo delle culture di Lugano, in cui ci siamo occupati di creare, attraverso il processo di design, dei concept (capitolo 4) che risolvessero i problemi rilevati dall’analisi dell’attività. Il concept di cui questa tesi si occupa è Animali Totem, il quale ha come obiettivo quello di veicolare attraverso un dispositivo fisico i contenuti del Museo e coinvolgere gli utenti durante la visita, riuscendo a dare l’impressione di stare partecipando ad una scoperta. Il prototipo dell’istallazione e la sua valutazione chiudono la tesi, ma non il progetto, come si evince dalle conclusioni e gli sviluppi futuri. Individuiamo nella personalizzazione dei contenuti, nel design dell’interazione e nel rapporto tra tangibile e realtà aumentata, un valore aggiunto per ricreare quella che noi chiamiamo una “nuova esperienza del museo”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Bacconi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1785 click dal 13/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.