Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Sicurezza sul Lavoro in Agricoltura

Analisi dei rischi e dei metodi di prevenzione nel campo della sicurezza sul lavoro nel settore agricolo

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 1 Statistiche sulla sicurezza sul lavoro 1.La ratio dei provvedimenti. L’attenzione alla sicurezza, alla salute e all’igiene sul luogo di lavoro in Italia è cresciuta esponenzialmente a partire dagli anni’90. Questo interesse è stato innescato dalla nascita, a livello europeo, di normative che hanno imposto all’Italia e agli altri stati membri, di recepire le direttive comunitarie. Il Codice Civile all’art. 2087 impone al datore di lavoro il cosiddetto “obbligo di sicurezza”, recitando: “(Tutela delle condizioni di lavoro)- L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. L’imprenditore, colui che a norma dell'articolo 2082 del c.c. “esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi”, risulta dunque responsabile della sicurezza per sØ stesso e per i propri dipendenti. 2.Panorama sulle aziende agricole in Italia L’art. 2135 c.c. definisce l’imprenditore agricolo come “colui che esercita un’attività diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, all’allevamento del bestiame e all’esercizio delle attività connesse alle precedenti, quali la trasformazione o l’alienazione di prodotti agricoli”. Il quadro imprenditoriale italiano nel settore agricolo presenta una frammentazione dell’insieme in piccole e medie imprese (PMI)*, in buona parte con forma di impresa familiare e con addetti prossimi all’età pensionabile. * L'Unione Europea ha uniformato recentemente il concetto di PMI come segue e pertanto laddove si farà riferimento a “piccole” aziende si intenderanno realtà così composte (www.wikipedia.it 10/2010): Tipo Occupati Fatturato (Milioni di €) Totale di bilancio (Milioni di €) Media impresa < 250 e null 50 oppure null 43 Piccola impresa < 50 e null 10 oppure null 10 Micro impresa < 10 e null 2 oppure null 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angela Compare Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1527 click dal 13/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.