Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini su nematodi da quarantena

La relazione finale ha riguardato lo studio dei nematodi e il monitoraggio di alcune importanti specie fitoparassite da quarantena: il nematode del riso (aphelenchoides bessey), il nematode della patata (globodera rostochiensis), il nematode delle conifere (bursaphelenchus xilophilus). l'attività è stata svolta presso il settore fitosanitario della regione piemonte.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1.2. GENERALITÀ SUI NEMATODI I nematodi sono eumetazoi protostomi a simmetria bilaterale, vermiformi, non metamerici, spesso con il corpo segnato da anellature superficiali. Hanno generalmente una forma a fuso allungato, circolare in sezione trasversale, ma le femmine di alcune specie appaiono globose, piriformi o sacciformi (figura 1). Le dimensioni dei nematodi adulti variano sensibilmente a seconda delle diverse specie; in particolare, i nematodi fitoparassiti sono lunghi da 0,2 a 2 mm, con un diametro di 10- 40µm, incolori e trasparenti (Marinari Palmisano, 1971). Sono adatti a quasi tutti gli ambienti compatibili con la vita e presentano, di conseguenza, variabilità notevoli nella fisiologia ed ecologia, nei cicli biologici e nelle modalità riproduttive. 1.3. MORFOLOGIA GENERALE Il corpo dei nematodi è rivestito da una parete epidermico-muscolare. All‟interno si estende la cavità del corpo, occupata quais interamente dall‟apparato digerente e dall‟apparato riproduttore, e contenente un liquido linfoide in cui sono disciolte diverse sostanze. Tale liquido provvede sia alla distribuzione delle sostanze sia, essendo sotto pressione, al mantenimento della turgescenza. Anche gas, come ossigeno e anidride carbonica, si diffondono nel liquido; i nematodi sono infatti aerobi e privi degli apparati circolatorio e respiratorio. La bocca, situata all‟estremità anteriore, è circondata da 3 o 6 labbra. Attorno all‟apertura orale sono presenti papille o setole, aventi funzione tattile e connesse con terminazioni nervose, ed un paio di organi laterali chemiorecettori, gli anfidi, consistenti in un condotto contenente sensilli, comunicante con l‟esterno con un‟apertura di varia forma. L‟estremità posteriore comprende la coda, che è la regione posteriore all‟ano, di forma conica terminante a punta o cilindrica con estremità arrotondata, frequentemente avvolta nel maschio da pliche cuticolari formanti una borsa. Sulla coda sono situati i fasmidi, organi per lo più chemiorecettori, aventi importanza sistematica.

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Francesco Sacco Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 679 click dal 16/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.