Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Infanzia negata. Il lavoro in età minorile nella letteratura italiana dell'Otto-Novecento.

La tesi si occupa di offrire una panoramica del fenomeno chiamato "lavoro minorile", a partire dalla seconda metà dell'Ottocento fino ai giorni nostri, attraverso l'aspetto giuridico e più ancora quello letterario, con Capuana, Pirandello e Verga nell'Ottocento, passando per la Giacobbe, Sciascia e Scotellaro nel Novecento, fino agli autori della cosiddetta "letteratura della migrazione", come il tunisino Mohsen Melliti.
I romanzi sono lo strumento privilegiato per far emergere una realtà dolorosa, drammatica, con molte sfaccettature, ma che lascia anche spazio alla speranza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Panoramica storica del fenomeno 1.1 Il periodo post unitario: inquadramento storico 1 L’Unità d’Italia è stata un processo graduale che, a partire dagli anni Cinquanta, per concludersi poi definitivamente verso la fine degli anni Sessanta con l’annessione del Veneto e del Lazio, ha portato alla proclamazione del Regno d’Italia, il 17 marzo 1861, dopo che l’esercito sabaudo eliminava le ultime resistenze borboniche. Il primo Parlamento nazionale, eletto su base censitaria, proclamava Vittorio Emanuele II re d’Italia. Il nuovo regno non era il risultato della sola iniziativa popolare, come era stato auspicato dai patrioti, nemmeno delle decisioni di un’assemblea costituente, ma dell’allargamento di uno Stato regionale più forte e dinamico: da questo stato, l’intero paese si vedeva imporre sovrano e istituzioni, leggi e ordinamenti. L’Unità fu dunque il prodotto dell’iniziativa diplomatica e militare di uno Stato, quello piemontese, dell’azione di un uomo politico del calibro del conte Cavour, ma anche di un ampio moto di opinione pubblica che coinvolse gli strati sociali più attivi e dinamici della società: intellettuali, studenti ed una borghesia desiderosa di creare un “mercato nazionale”, premessa necessaria allo sviluppo economico del neonato stato. 1 Per tutti i paragrafi di inquadramento storico si rimanda a G. SABBATUCCI, V. VIDOTTO, Il mondo contemporaneo. Dal 1848 a oggi, Laterza, Bari 2006.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Davide Chiodini Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5705 click dal 17/05/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.