Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'iri: dalla nascita al boom economico

Il lavoro si propone di ricostruire una parte importante della storia d’Italia, che ha accompagnato il nostro Paese per un lungo periodo; la parte centrale del lavoro, è focalizzata sulla costituzione e sulla gestione dell’IRI, cercando di porre l’attenzione sull’operato dell’istituto e sulle modalità con cui è riuscito a raggiungere gli obiettivi che si era proposto e per cui era stato creato.
La parte iniziale analizza le situazione dell’economia italiana nel periodo precedente la costituzione dell’Ente, cercando, quindi, di spiegare le cause che hanno portato alla sua nascita ed infine la terza ed ultima parte tratta del boom economico, dei cambiamenti che questo ha comportato nell’economia del nostro Paese e della gestione dell’IRI in quel periodo.
La parola chiave di tutto il lavoro è intervento dello Stato nell’economia, naturalmente, attraverso l’IRI, ma questo non è un fenomeno isolato, non si può dimenticare l’intervento statale attraverso il mercantilismo, o la prima forma di società commerciale per azioni, che doveva costituire il principale strumento giuridico per l’affermazione del capitalismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il lavoro si propone di ricostruire una parte importante della storia d’Italia, che ha accompagnato il nostro Paese per un lungo periodo; la parte centrale del lavoro, è focalizzata sulla costituzione e sulla gestione dell’IRI, cercando di porre l’attenzione sull’operato dell’istituto e sulle modalità con cui è riuscito a raggiungere gli obiettivi che si era proposto e per cui era stato creato. La parte iniziale analizza le situazione dell’economia italiana nel periodo precedente la costituzione dell’Ente, cercando, quindi , di spiegare le cause che hanno portato alla sua nascita ed infine la terza ed ultima parte tratta del boom economico, dei cambiamenti che questo ha comportato nell’economia del nostro Paese e della gestione dell’IRI in quel periodo. La parola chiave di tutto il lavoro è intervento dello Stato nell’economia, naturalmente, attraverso l’IRI, ma questo non è un fenomeno isolato, non si può dimenticare l’intervento statale attraverso il mercantilismo, o la prima forma di società commerciale per azioni, che doveva costituire il principale strumento giuridico per l’affermazione del capitalismo. 1 Le novità introdotte dalla Rivoluzione francese, e le relative conseguenze, diminuirono incredibilmente, pur senza eliminarlo mai del tutto, l’intervento dello Stato in economia, il potere politico liberò quasi completamente il potere economico, forse anche perché fiducioso nella solidità e validità degli ordinamenti costituzionali, e delle norme di diritto civile 2 . Le intromissioni da parte dello Stato, non solo italiano, si intende, non erano limitati ad obiettivi di natura economica, per scopi di lucro o regolamentazione dei mercati, ma gli interventi servivano anche a miglioramenti delle condizioni di lavoro e ad assicurare il livello minimo di dignità umana, per arrivare, nell’ultimo ventennio del XIX secolo, al grande interesse dello Stato verso i grandi servizi pubblici, senza dimenticare i grandi salvataggi di industrie in crisi. Con la prima Guerra Mondiale si originano nuovi motivi di intervento dello Stato nell’economia, principalmente causati dall’aumento artificiale della produzione industriale che aveva provocato la Guerra, così che esso trovava applicazione nelle forme più integrali sia nella liberale Inghilterra sia nella Francia sempre economicamente conservatrice e nell’Italia fascista che, pure avversa ai principi liberali, non poteva certo dirsi collettivista sul terreno economico. 3 Con la Seconda Guerra Mondiale si assiste ad un incremento dell’intervento statale in economia, in Gran Bretagna e Francia si arriva addirittura a 1 IRI, L’istituto per la ricostruzione industriale, IRI, III, Origini ordinamenti e attività svolta (Rapporto di P. Saraceno), Torino 1956, p. 34. 2 IRI, L’istituto per la ricostruzione industriale, IRI, III, Origini ordinamenti e attività svolta (Rapporto di P. Saraceno), Torino 1956, p. 34 3 IRI, L’istituto per la ricostruzione industriale, IRI, III, Origini ordinamenti e attività svolta (Rapporto di P. Saraceno), Torino 1956, p. 35

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Evelin Salafia Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2726 click dal 17/05/2011.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.