Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Villa Malipiero-Barbarich - Restauro degli affreschi della casa rinascimentale agricola a Zelarino (Venezia)

Le ville venete si annoverano nell’immenso patrimonio storico-artistico italiano come una delle più importanti testimonianze del “fare umano”, del suo ingegno e della sua creatività. Villa Malipiero- Barbarich ne è esempio di grande opera rinascimentale. Il progetto di restauro proposto per Villa Malipiero- Barbarich, realizzato grazie a Villa Barbarich s.r.l. e alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, si pone come primo passo per la tutela, la conservazione e la valorizzazione di un edificio che si annovera non solo tra le più importanti testimonianze edilizie rinascimentali, ma che rappresenta un’ulteriore porzione dell’immenso patrimonio culturale appartenente all’Italia. La scelta di curare in questo studio di tesi la sezione storico- artistica e diagnostica dei soli apparati decorativi presenti nella villa, è utile e necessaria per consentire sia un adeguato intervento di restauro sia una maggior tutela del bene culturale che, come tale, è unico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Le ville venete si annoverano nell’immenso patrimonio storico-artistico italiano come una delle più importanti testimonianze del “fare umano”, del suo ingegno e della sua creatività. Villa Malipiero- Barbarich ne è esempio di grande opera rinascimentale. Il progetto di restauro proposto per Villa Malipiero- Barbarich, realizzato grazie a Villa Barbarich s.r.l. e alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, si pone come primo passo per la tutela, la conservazione e la valorizzazione di un edificio che si annovera non solo tra le più importanti testimonianze edilizie rinascimentali, ma che rappresenta un’ulteriore porzione dell’immenso patrimonio culturale appartenente all’Italia. La scelta di curare in questo studio di tesi la sezione storico- artistica e diagnostica dei soli apparati decorativi presenti nella villa, è utile e necessaria per consentire sia un adeguato intervento di restauro sia una maggior tutela del bene culturale che, come tale, è unico. La documentazione fotografica costituisce un patrimonio informativo insostituibile ed indispensabile a qualunque tipo di analisi conoscitiva. A tal proposito un’opportuna campagna fotografica e l’ausilio delle planimetrie si rileveranno, mediante la fotogrammetria, utili strumenti di restituzione digitale per gli apparati decorativi del piano nobile. Il procedimento utilizzato permetterà di ottenere un’adeguata lettura degli affreschi che consentirà non solo l’utile ed indispensabile studio delle zone d’intervento conservativo da realizzarsi, ma anche una più chiara lettura storico- filologica delle scene rappresentate. La progettazione di una carta tematica relativa ai fenomeni di degrado, già rilevati nel sopralluogo, si porrà come valido e opportuno strumento diagnostico per la rilevazione dei fenomeni di degrado di cui sono oggetto gli affreschi.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Maria Marzullo Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2493 click dal 19/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.