Skip to content

Il Venture Capital può cambiare una nazione: il caso d'Israele

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Morelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione, Finanza e Controllo
  Relatore: Alessandro Frova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

Quando al rapinatore americano di banche, Willie Sutton, arrestato nel 1952, venne chiesto prechè rapinava le banche, Willie rispose candidamente perché è lì che ci sono i soldi. Mentre in Italia, oggi, il nuovo imprenditore non sarebbe capace di rispondere alla domanda: dove si trovano i soldi? Perché difficilmente li trova nelle banche. Molti sono convinti dell’importanza del venture capital (Vc), anche se non lo hanno ben capito, ma pochi lo considerano l’investimento alternativo necessario e fondamentale per gestire la crescita industriale innovativa.
Il Vc viene visto da molti come esterno al mondo della finanza: sembra un’altra cosa, mette assieme tecnologia e finanza, parla di imprese che non esistono, di mercati e tecnologie non ancora materializzati, promette grandi successi, ma su tempi lunghi. In Italia, il Vc stenta a crescere e a svilupparsi: non solo per la mancanza di fattori specifici, ma anche per le difficoltà che la società e la cultura del nostro paese ancora dimostrano nell’accettare un’attività che appare come uno strano miscuglio di avventura, rischio ed elevati profitti (o elevate perdite). Anche il fatto che la legislazione a favore delle piccole imprese non si sia, fino ad oggi, riferita al Vc come possibile strumento per il sostegno dell’impresa minore, dipende probabilmente non solo da una inadeguata informazione, ma anche da un senso di diffuso scetticismo riguardo a questa attività.
La situazione odierna è peggiore di quella di qualche anno fa. Oggi non si può più contare nemmeno sui capitali stranieri, come accadde per i fondi creati nel periodo 1999-2000.

I motivi vanno al di là della crisi globale attuale e sono riconducibili a:
i) scarsa credibilità delle capacità innovative italiane;
ii) carenza di imprenditori per imprese high-tech;
iii) scarsa credibilità del sistema Italia, anche dovuta ai vari scandali e
iv) incapacità di comprendere lo scenario politico ed economico italiano.
Ovviamente, questa valutazione e questo atteggiamento paranoico sono solo plausibili in minima parte e si può dimostrare che in Italia esistono le condizioni per fare imprese innovative. Anche la storia dell’Italia lo dimostra. Ma solo creando nuove iniziative vincenti possiamo modificare, in termini favorevoli, la percezione dell’estero.

Il caso israeliano è un ottimo spunto di riflessione. La rapida ascesa delle sue attività high tech ha dell’incredibile. In realtà, analizzando il successo d’Isreale, ci si rende conto che l’impegno con cui il governo ha elaborato ed implementato una radicale politica d’innovazione è stato incredibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Quando al rapinatore americano di banche, Willie Sutton, arrestato nel 1952, venne chiesto prechè rapinava le banche, Willie rispose candidamente perché è lì che ci sono i soldi . Mentre in Italia, oggi, il nuovo imprenditore non sarebbe capace di rispondere alla domanda: dove si trovano i soldi? Perché difficilmente li trova nelle banche. Molti sono convinti dell’importanza del venture capital (Vc), anche se non lo hanno ben capito, ma pochi lo considerano l’investimento alternativo necessario e fondamentale per gestire la crescita industriale innovativa. Il Vc viene visto da molti come esterno al mondo della finanza: sembra un’altra cosa, mette assieme tecnologia e finanza, parla di imprese che non esistono, di mercati e tecnologie non ancora materializzati, promette grandi successi, ma su tempi lunghi. In Italia, il Vc stenta a crescere e a svilupparsi: non solo per la mancanza di fattori specifici , ma anche per le difficoltà che la società e la cultura del nostro paese ancora dimostrano nell’accettare un’attività che appare come uno strano miscuglio di avventura, rischio ed elevati profitti (o elevate perdite). Anche il fatto che la legislazione a favore delle piccole imprese non si sia, fino ad oggi, riferita al Vc come possibile strumento per il sostegno dell’impresa minore, dipende probabilmente non solo da una inadeguata informazione, ma anche da un senso di diffuso scetticismo riguardo a questa attività. La situazione odierna è peggiore di quella di qualche anno fa. Oggi non si può più contare nemmeno sui capitali stranieri, come accadde per i fondi creati nel periodo 1999-2000. I motivi vanno al di là della crisi globale attuale e sono riconducibili a: i) scarsa credibilità delle capacità innovative italiane; ii) carenza di imprenditori per imprese high-tech; iii) scarsa credibilità del sistema Italia, anche dovuta ai vari scandali e iv) incapacità di comprendere lo scenario politico ed economico italiano. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

incubatori
tiscali
venture capital
capital
programma yozma
inbal
olivetti
finanziamento
israele
silicon wadi
innovazione
piol
venture
potenza alle idee
information technology

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi