Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Spiritualità benedettina nell'antica contea Normanna di Aversa

Il presente lavoro tende a dare delle informazioni storiche di natura ecclesiastica sulla città normanna Aversa in provincia di Caserta, e nello specifico presenta il nascere del monachesimo benedettino nella stessa città illustrando la presenza delle due grandi abbazie benedettine sorte sul finire del primo secolo.
Facendo emergere una influente presenza di animo benedettino in tutta la Campania, presenta la vita e l'opera pastorale di tre grandi figure benedettine legate per natali ad Aversa.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il fenomeno del monachesimo benedettino sviluppatosi nel V sec.in Italia e nel resto dell‟Europa, è stato fin dai suoi inizi oggetto di studio e riflessioni di cultori della storia ecclesiastica e non solo. La spiritualità di quest‟ordine, caratterizzata da un particolare interesse verso l‟uomo, ha affascinato e fatto suoi discepoli molti uomini e donne, che per rifugiarsi dalle “miserie” di questo mondo, hanno scelto ad una vita mondana, spesso lontana dai principi evangelici, una vita contemplativa fatta di rinunce e di zelo nella preghiera, con lo scopo di vivere in piena contemplazione in Cristo. Il contesto storico, spesso ricco di contraddizioni, ha permesso, seppur con grandi difficoltà, il diffondersi e l‟affermarsi di tale spiritualità e grazie all‟opera di uomini “santi”, che hanno vissuto secondo i dettami della Regola di S. Benedetto da Norcia sono nate in tutta Europa numerose istituzioni monastiche sia di ordine maschile sia di ordine femminile. La città di Aversa, contea Normanna del 1030, fin dagli albori , e secondo molti studiosi anche prima, della sua nascita ha accolto fra le sue mura importanti istituti monastici benedettini, quello di San Lorenzo, detto fuori le mura, e quello di San Biagio. Le vicissitudini di ambedue istituzioni monastiche, sono state direttamente coinvolte nelle vicende politiche-religiose della città e

Laurea liv.I

Facoltà: Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale

Autore: Mariarosaria Silvestre Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 843 click dal 23/05/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.