Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La logica del senso in Gilles Deleuze

La logica del senso in Gilles Deleuze, filosofia linguistica e letteratura.

Questo lavoro si propone di affrontare il problema del senso nella filosofia di Gilles Deleuze. Questi nel corso della propria vita ha potuto vantare un'immensa produzione filosofica, che spazia dalle dissertazioni in campo psicanalitico per raggiungere i più svariati ambiti scientifici, lasciandoci una gran mole di conoscenza.

Inizialmente mi è sembrato opportuno analizzare, da un punto di vista generale, i lavori cardini che hanno maggiormente caratterizzato il suo pensiero.

Il percorso che ho affrontato inizia da Differenza e ripetizione, edito nel 1968. In questo scritto Deleuze mostra già quelle che sono le principali linee guida del proprio pensiero, ossia lo scardinamento delle rigide basi su cui, fino a quel momento, il pensiero umano aveva appoggiato la propria attività filosofica. Già in questo primo scritto, come vedremo, il concetto di differenza viene proposto in chiave positiva, mentre la ripetizione si caratterizza per la sua originalità, ribaltando ciò che la cultura occidentale aveva considerato negativamente.

Successivamente ho introdotto sinteticamente la logica del senso, rimandando la dissertazione al secondo capitolo, nel quale verrà sviluppato il fulcro della tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo lavoro si propone di affrontare il problema del senso nella filosofia di Gilles Deleuze. Questi nel corso della propria vita ha potuto vantare un'immensa produzione filosofica, che spazia dalle dissertazioni in campo psicanalitico per raggiungere i più svariati ambiti scientifici, lasciandoci una gran mole di conoscenza. Inizialmente mi è sembrato opportuno analizzare, da un punto di vista generale, i lavori cardini che hanno maggiormente caratterizzato il suo pensiero. Il percorso che ho affrontato inizia da Differenza e ripetizione, edito nel 1968. In questo scritto Deleuze mostra già quelle che sono le principali linee guida del proprio pensiero, ossia lo scardinamento delle rigide basi su cui, fino a quel momento, il pensiero umano aveva appoggiato la propria attività filosofica. Già in questo primo scritto, come vedremo, il concetto di differenza viene proposto in chiave positiva, mentre la ripetizione si caratterizza per la sua originalità, ribaltando ciò che la cultura occidentale aveva considerato negativamente. Successivamente ho introdotto sinteticamente la logica del senso, rimandando la dissertazione al secondo capitolo, nel quale verrà sviluppato il fulcro della tesi. Tra i lavori principali di Deleuze ho ritenuto opportuno includere gli scritti nati dalla collaborazione con lo psicanalista Felix Guattari, ossia i due volumi che compongono Capitalismo e schizofrenia, L'anti-Edipo edito nel 1972 e Millepiani scritto successivamente nel 1980. Il primo porta avanti una dura critica nei confronti della psicanalisi 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca Marino Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3089 click dal 25/05/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.