Skip to content

La responsabilità della struttura sanitaria pubblica e privata in Italia e in Francia. Cenni di comparazione.

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Montemurro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianmaria Ajani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 338

Alla luce dei temi affrontati nelle recenti sentenze di Cassazione, la tesi tratta gli obblighi e la qualificazione giuridica della responsabilità della struttura sanitaria nei confronti del paziente.

Già nella prima metà del XX secolo si è inquadrato in termini contrattuali il rapporto fra paziente e struttura sanitaria: il ricorso alla responsabilità contrattuale per l’inosservanza di un obbligo di fonte negoziale o legale però, consisteva in un mero riflesso della responsabilità del singolo sanitario.

Con il codice civile del 1942 tale responsabilità ha trovato un espresso inquadramento normativo nella disciplina del contratto d’opera intellettuale con tutti i limiti connessi alla personalità della prestazione e a quelli derivanti dall’art. 2236 c.c., tradizionalmente interpretato quale disposizione limitativa della responsabilità ai soli casi di dolo o colpa grave. Negli ultimi anni il problema è stato affrontato in una nuova dimensione, cioè quella della responsabilità della struttura sanitaria in un’accentuata prospettiva di tipo organizzativo ed aziendale, dove le prestazioni sono rese da una pluralità di soggetti dotati delle più diverse qualifiche. L’inquadramento del rapporto paziente – struttura sanitaria nell’ambito contrattuale valorizza la complessità e l’atipicità del legame che fra essi si instaura: tale rapporto infatti, va ben oltre la fornitura di prestazioni alberghiere, comprendendo anche la messa a disposizione di personale medico, ausiliario, paramedico, l’apprestamento di medicinali e di tutte le attrezzature necessarie anche per eventuali complicazioni.

E’ perciò configurabile una responsabilità autonoma e diretta della casa di cura ove il danno subito dal paziente risulti causalmente riconducibile ad una inadempienza delle obbligazione ad essa facenti carico. Con la stipulazione del contratto di spedalità, la struttura sanitaria assume quindi l’obbligo di assicurare al paziente la prestazione medica, verso corrispettivo (pagato dal paziente, dalla sua assicurazione o dallo Stato), ma essa deve anche assicurare tutte le prestazioni strumentali alle obbligazioni principali di cura e intervento (tra cui gli obblighi di ricovero, di prestazioni infermieristiche, di ristorazione, e, più in generale, l’obbligo, di informazione, di sorveglianza sul decorso della malattia, di attenta vigilanza nella fase postoperatoria, di buona organizzazione della struttura sanitaria) c.d. di sicurezza e/o protezione, con funzione di salvaguardia del diritto costituzionalmente riconosciuto della salute dei pazienti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Perchè scrivere ancora sulla responsabilità della struttura sanitaria? L’idea di una tesi sulla responsabilità sanitaria è mossa da esperienze personali di chi scrive e dall’importanza che questo tema ha nella società odierna: la tutela del “malato” è oggigiorno “di moda”, ma non per questo è sempre piena ed efficace. Il proliferare di azioni giudiziarie a carico dei sanitari e delle strutture sanitarie in cui i essi lavorano, ha spinto dottrina e giurisprudenza ad occuparsi più approfonditamente del problema apportando, ormai da una trentina d’anni, significative innovazioni in materia. La salute è un diritto soggettivo: secondo l’art. 32 Cost., essa è un fondamentale diritto dell’individuo la cui tutela è affidata alla Repubblica nel senso di una pluralità di soggetti tanto ampia quanto indistinta: << la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti >>. L’Assemblea Costituente del 1946-48 giunse ad affermare una tutela forte della salute, quale diritto della persona alla base dell’esplicazione di ogni attività umana nella sfera morale, intellettuale ed economica: la salute non è solo assenza di malattia o di infermità, ma consiste in uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. [ I ] I M. RUOTOLO, Il diritto alla salute della persona reclusa. Diritti dei detenuti e Costituzione, Giappichelli, 2002, Pen. 00 0000424, pag. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

responsabilità amministrativa
onere della prova
diritti del malato
obligations de moyen
danno emotrasfusione
risarcimento danno medico
infezioni nosocomiali
arret perruche
loi kouchner
faute virtuelle
responsabilità sanitaria
contratto di spedalità
obbligazioni di mezzo e di risultato
art. 2236 c.c.
obblighi del medico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi