Skip to content

Fotografia: arte o informazione?

Informazioni tesi

  Autore: Maria Laura Pala
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giovanni Ciarlo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Non vi è individuo a questo mondo che non abbia mai scattato una fotografia, sia inconsapevolmente che con coscienza: ma quale è l’intimo significato di tale gesto, spesso automatico e irragionato? Fotografare è fissare un attimo, rendere imperituro un momento, immortalare un istante che altrimenti svanirebbe; è un ricordo emotivo.
L’uomo ha da sempre tentato di fermare il tempo, combattere la deperibilità dei ricordi e rendere eterne le immagini della propria quotidianità: la fotografia è sicuramente un tentativo riuscito.
Chi si trova ad osservare una fotografia deve innanzitutto interpretare: non conosce quanto accaduto prima e né quanto accadrà in seguito e nessuno gli spiega ciò che accade di fronte ai suoi occhi.
Sono attimi rubati al tempo e all’oblio, dove la fantasia si scontra con la realtà.
Perché ho voluto parlare di fotografia? Perché mi piace, mi affascina e trovo che, sebbene grazie al digitale tutti siano diventati potenziali fotografi e reporter, molti continuino a discriminarla e a non comprenderla. Penso che fotografare sia un modo particolare di rivolgersi al mondo, osservarlo con occhi diversi, studiarlo con uno sguardo particolare, quasi come se l’obiettivo della macchina fotografica fosse il nostro terzo occhio attraverso cui svelare l’aurea del mondo e guardare la realtà al di là delle apparenze che spesso ci ingannano.
Non è semplicemente un particolare modo di vedere, ma anche di vivere: è una caccia continua, un osservare ciò che ci circonda con occhi diversi, più profondi, che vanno oltre l’apparenza, oltre la frenesia, oltre l’inarrestabile. Fotografare significa essere costantemente pronti a cogliere
l’inafferrabile. Ed è così che ci si ritrova a osservare e non semplicemente a vedere un particolare, immaginandolo su carta, avendo già un’idea di come sarà il risultato.
Bisogna, prima di tutto, imparare a vedere, perché saperlo fare permette di ottenere fotografie migliori che, a loro volta, devono essere viste a tutto tondo e non come strette feritoie sul mondo.
Sebbene spesso sottovalutato e violato, tutto questo non è un gioco, non è un’azione casuale e involontaria. Tutto ruota intorno al soggetto: bisogna saper cogliere l’attimo giusto, l’istante irripetibile da immortalare per sempre; bisogna essere in grado di catturare l’emozione, lo sguardo, il
gesto. Ci si deve guardare intorno, cercando, domandando, alimentati
dalle più piccole curiosità. Scegliere di fotografare significa applicare un particolare metodo di indagine sul mondo. Fotografare è un po’ un bisogno come lo scrivere: costante desiderio di
immortalare, fermare, documentare.
Mi è sempre piaciuto sfogliare gli album di fotografie: fermarmi a guardarle una per una, riflettere, immaginare, ricordare. Ogni immagine è un breve spaccato di vita in cui tutto si concentra, si riassume o svanisce senza lasciare più traccia. L’obiettivo è l’unico occhio in grado di catturare – rubare – l’anima di un individuo: in un primo piano colto di sorpresa, senza posa, è possibile cogliere l’emozione più reale e spontanea di una persona, quanto di più nascosto e riservato ci possa essere. Non vi è altra macchina al mondo in grado di fissare l’attimo di smarrimento di uno sguardo tra i pensieri: con la fotografia, la tecnologia batte l’Uomo, imprigionando in un istante la sua stessa essenza.
Quello che segue è un lavoro che ho cercato di portare avanti con il cuore, credendo vivamente in ogni mia singola parola. Sono pienamente convinta della forza e della potenza delle immagini, della loro immane forza espressiva: se per Ettore Mo “non ci sono belle o brutte fotografie, ma quelle scattate da vicino e quelle scattate da lontano”, per me non vi è foto che possa essere incestinata perché sfocata o poco chiara. Tutte, anche quelle tecnicamente non perfette, sono custodi di qualcosa, anche solo di un fulmineo istante della nostra esistenza che con un click diventa eterno.
Vorrei che fosse quasi un viaggio onirico attraverso una fotografia vissuta come sublime espressione dell’animo umano, come testimonianza, come degna compagna della parola: tracciare un continuum tra un’arte, vissuta come armonia di forme, e un’informazione che, con una forma celata nel suo stesso nome, è arte di un’armonia di parole.
Ma il mio è solo un modesto tentativo.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione È stato consolante, leggendo le prime pagine di un libro di Susan Sontag – “Sulla fotografia” -, scoprire che i dubbi che mi hanno colto mentre scrivevo non hanno riguardato solo me: “quanto più pensavo a che cosa sono le fotografie, tanto più diventavano complesse e suggestive”. Quello che inizialmente mi è apparso preciso e lineare è diventato, infatti, incerto e confuso: mi sono subito resa conto di come parlare di fotografia oggi, mentre siamo costantemente bombardati da immagini di ogni genere, non sia assolutamente facile, né scontato. Ed è forse proprio la facilità e la spontaneità attraverso cui entriamo a contatto con le fotografie - e simili - a rendere tutto più critico e difficoltoso: siamo talmente abituati a veder scorrere davanti a noi “schegge di vita altrui” da non essere più in grado di fermarci a osservarle, sminuendone così il forte e reale significato. “Schegge” non perché piccole e lapidarie, ma perché, come queste, possono essere taglienti, fino al punto da lasciare il segno. Non vi è individuo a questo mondo che non abbia mai scattato una fotografia, sia inconsapevolmente che con coscienza: ma quale è l’intimo significato di tale gesto, spesso automatico e irragionato? Fotografare è fissare un attimo, rendere imperituro un momento, immortalare un istante che altrimenti svanirebbe; è un ricordo emotivo. L’uomo ha da sempre tentato di fermare il tempo, combattere la deperibilità dei ricordi e rendere eterne le immagini della propria quotidianità: la fotografia è sicuramente un tentativo riuscito. Chi si trova ad osservare una fotografia deve innanzitutto interpretare: non conosce quanto accaduto prima e né quanto accadrà in seguito e nessuno gli spiega ciò che accade di fronte ai suoi occhi. Sono attimi rubati al tempo e all’oblio, dove la fantasia si scontra con la realtà. Perché ho voluto parlare di fotografia? Perché mi piace, mi affascina e trovo che, sebbene grazie al digitale tutti siano diventati potenziali fotografi 3 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi