Skip to content

Il conflitto di attribuzioni tra il Capo dello Stato e il Ministro della giustizia intorno al potere di grazia

Informazioni tesi

  Autore: Christian Vecchio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Reggio Calabria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alessio Rauti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

Con sentenza n. 200 pronunciata il 3 maggio 2006 la Corte Costituzionale si è espressa sul conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, sorto a seguito della nota del 24 novembre 2004, con cui il Guardasigilli Castelli aveva dichiarato di non aver intenzione di dar corso alla determinazione del Presidente della Repubblica Ciampi, malgrado questi avesse manifestato la propria convinzione a voler concedere la grazia ad Ovidio Bompressi.
La sentenza n. 200/2006 ha avuto importanti riflessi pratici. Infatti, quello che sembrava aver assunto l’aspetto di una disputa tra gli allora in carica Capo dello Stato e Ministro della giustizia è stato risolto dalla Consulta con effetti pratici rivolti al futuro dato che, al momento della sua pronuncia, uno dei due contendenti non era più in carica e l’altro stava per concludere il suo mandato.
Con il ricorso del Presidente della Repubblica, lamentandosi il rifiuto del Guardasigilli a formulare la proposta di grazia e di predisporre il relativo decreto di concessione, l’Avvocatura dello Stato ha aveva affermato essersi perpetrata la violazione degli artt. 87 e 89 Cost., sostenendo che la mancata formulazione della proposta ministeriale si fosse sostanziata, di fatto, nella rivendicazione di una attribuzione costituzionalmente spettante al Capo dello Stato.
Comunque, thema decidendum del ricorso è stato, non la titolarità del potere di grazia, espressamente attribuita dall’art. 87, c. 11, Cost. al Presidente della Repubblica, bensì le concrete modalità del suo esercizio. Nel ricorso si può leggere che il ruolo del Ministro della giustizia si risolverebbe in una doverosa collaborazione con il Capo dello Stato nelle diverse fasi del procedimento, per cui il Guardasigilli sarebbe chiamato a contribuire, nel rispetto del principio della leale collaborazione tra poteri, alla formazione della volontà presidenziale mediante un’attività cui dovrebbe essere attribuita una valenza meramente istruttoria.
Propriamente, la sentenza si sviluppa attraverso tre punti fondanti per giungere poi al giudizio finale sul conflitto di attribuzioni in questione.
Il primo punto è l’ammissibilità del Ministro della giustizia come parte passiva legittimata a costituirsi in giudizio, pur avendo poi rinunciato a costituirsi in giudizio. Quindi, segue il secondo punto, la Consulta, dopo aver inquadrato la grazia sul piano storico, è passata a sciogliere il nodo della funzione propria dell’istituto. Questo è il ponte che consente di giungere al terzo punto fondamentale per la risoluzione del conflitto, ed è quello di stabilire quale tipo di relazione intercorra tra il Capo dello Stato, titolare del potere di grazia, ed il Guardasigilli, responsabile della relativa attività istruttoria, definendo i rispettivi ruoli esercitati da questi due organi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I ______ Il potere di grazia: dalla nascita agli ultimi passi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ministro della giustizia
conflitto di attribuzioni
ainis m., sulla titolarità del potere di grazia
sentenza n. 200/2006
immanuel kant
allegretti u., il presidente della repubblica tra
armaroli p., grazia a sofri? un intrigo costituzio
avvocatura generale dello stato, ricorso del presi
presidente della repubblica
sentenza
corte costituzionale
adriano sofri
holmes
zanon n., un’opinione
zagrebelsky g.
pugiotto a., ciampi, castelli e la grazia a bompre
fiandaca g., musco e., diritto penale. parte gener
hegel
feuerbach p. j. a., anti hobbes
d’avanzo g., la libertà come merce di scambio
celotto a., la corte costituzionale
bin r., della grazia e di altri atti che vanno con
boato m., potere di grazia
ovidio bompressi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi