Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autovalutazione dell’ansia in compiti di orientamento spaziale e nell’uso del web: relazioni con il genere e l’età

In questo lavoro si intende presentare una ricerca sull’autovalutazione dell’ansia in compiti di orientamento spaziale in ambienti reali e ansia nell’uso del web, con l’obiettivo di studiare la relazione tra le seguenti variabili: ansia, genere ed età. A tale scopo sono stati somministrati due questionari a 30 soggetti, a cui sono stati aggiunti quelli di altri tesisti, per un totale di 91 soggetti. I questionari utilizzati sono: l’ISOS (inventario di situazioni sull’orientamento nello spazio – T.G. Scalisi, A. Bosco) per quanto riguarda ”l’orientamento spaziale” e un questionario sul PC (T.G. Scalisi, R. Carrieri), per quanto riguarda “l’uso del computer”.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I 1.1. PREMESSA In questo lavoro si intende presentare una ricerca sull’autovalutazione dell’ansia in compiti di orientamento spaziale in ambienti reali e ansia nell’uso del web, con l’obiettivo di studiare la relazione tra le seguenti variabili: ansia, genere ed età. A tale scopo sono stati somministrati due questionari a 30 soggetti, a cui sono stati aggiunti quelli di altri tesisti, per un totale di 91 soggetti. I questionari utilizzati sono: l’ISOS (inventario di situazioni sull’orientamento nello spazio – T.G. Scalisi, A. Bosco) per quanto riguarda ”l’orientamento spaziale” e un questionario sul PC (T.G. Scalisi, R. Carrieri), per quanto riguarda “l’uso del computer”. 1.2. L’ANSIA NEI COMPITI DI ORIENTAMENTO SPAZIALE Gli studi sulle abilità spaziali hanno evidenziato varie e numerose differenze di genere nell’area della cognizione (Halpern, 2000; Linn & Petersen, 1985, 1986; in Lawton & Kallai, 2002). Alcune ricerche si sono recentemente interessate a capire se tali differenze di genere nelle abilità spaziali hanno delle implicazioni sul comportamento nel mondo reale, come ad esempio riuscire a trovare una strada nell’ambiente fisico. Una possibile causa dell’esistenza di tali diversità, è che donne e uomini hanno un diverso “senso dell’orientamento”: le donne tendono a riportare maggiori livelli di ansia rispetto agli uomini in compiti, come ad esempio, trovare la via più breve senza l’aiuto di una mappa (Lawton, 1994, 1996; in Lawton & Kallai, 2002). Un fattore che può incidere su queste differenze di genere è “l’ esperienza nel perdersi”. Molte ricerche hanno infatti messo in evidenza che le ragazze, nella loro fanciullezza e adolescenza, hanno avuto meno possibilità di esplorare l’ambiente aperto rispetto ai ragazzi: questi ultimi possono uscire di casa e stare nel loro quartiere più di quanto fanno le ragazze (Anderson & Tindall, 1972; Hart, 1979; Herman, Heins & Cohen, 1987; Matthews, 1986; Webley, 1981; in Lawton, Kallai, 2002) e mostrano meno piacere ad essere accompagnati dagli adulti quando devono visitare posti all’aperto come ad esempio il cinema o il parco (Medrich, Roizen, Rubin & Buckley, 1982; Newson & Newson, 1987; in Lawton, Kallai, 2002). Dunque, una maggiore esperienza adolescenziale nell’esplorazione di ambienti sconosciuti, porta i maschi a sentirsi più a loro agio

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Alice Carella Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 975 click dal 27/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.