Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tumori dell'asse ipotalamico-ipofisario e la loro influenza sulla fertilità

Le alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisario-gonadico,causate da neoplasie ipofisarie, determinano modificazioni della secrezione delle gonadotropine. Gli adenomi ipofisari, vengono di solito classificati in base alle dimensioni e al tipo di secreto.
Studi recenti (2003), condotti su topi e su scimmie, hanno rilevato il ruolo fondamentale della kissipeptina (espressa da Kiss1) nella modulazione del feedback e del rilascio delle gonadotropine (LH e FSH); vista la sua funzione, si sta tentando di impiegare la kisspeptina nella produzioni di nuovi contraccettivi.
In tale elaborato ho preso in considerazione 2 neoplasie ,che determinano uno stato di ipogonadismo: i Leiomiomi (tumori uterini) e i prolattinomi (adenomi ipofisari). Entrambi influiscono sulla fertilità. Nei leiomiomi si ha una condizione iperestrogenica, mediata dal GnRH, come nell’utero normale, quindi alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisario-gonadico possono ritenersi una causa dell’insorgenza di tale patologia. Invece, i prolattinomi (PRL),che si originano dal lato anteriore dell’ipofisi, sono caratterizzati dalla produzione di prolattina fino a iperprolattinemia (ormone polipeptidico di 199 aminoacidi, prodotto dalle cellule lattotrope dell’ipofisi anteriore che ne costituiscono il 20%).
Sede di origine è la sella turcica e successivamente andrà ad interessare sedi limitrofre: chiasma ottico, nervi ottici, regione ipotalamica e in particolare il pavimento del “III ventricolo”; seni cavernosi e superficie mediale dei lati temporali. I sintomi di tali patologie sono: infertilità e ipogonadismo, riduzione della vista e galattorrea, per quanto concerne la PRL; invece nei fibromi i sintomi sono: dolori e raramente infertilità, dovuta a ostruzione meccanica o deformazione. L’ambiente all’interno dei leiomiomi è iperestrogenico. La concentrazione di estradiolo è aumentata e i leiomiomi contengono più recettori per l’estrogeno. Il trattamento con RU486, antagonista del progesterone, è associato a una riduzione delle dimensioni dei leiomiomi. Gli effetti degli estrogeni e dei progestinici sui leiomiomi è mediato dai "growth facto", come nell’utero normale. I recettori per l’EGF sono presenti nei leiomiomi e il trattamento con gli agonisti del GnRH (ipogonadismo) va a diminuire la concentrazione di EGF nei miomi. L’IGF-I ,L’IGF-II e i loro recettori si riscontrano con maggiore abbondanza nel miometrio e vengono attivamente espressi nei leiomiomi.
La breve emivita del GnRH è dovuta alla scissione tra gli aminoacidi 5-6, 6-7 e 9-10. Cambiando gli aminoacidi che si trovano in queste posizioni, si possono sintetizzare gli analoghi del GnRH con proprietà diverse. La sostituzione degli aminoacidi dalla posizionre 6 o il ricollocamento della glicina-amide C-terminale, che inibisce la degradazione, produce gli agonisti. I GnRH antagonisti vengono sintetizzati mediante molteplici sostituzioni di aminoacidi.
La prolattinemia è trattata con una dopamina-agonista: bromocriptina. Per i leiomiomi si utilizzano, come analoghi del GnRH, gli GnRH antagonisti: ganirelix, cetrorelix.
Ad oggi, si stanno impiegando gli analoghi del GnRH per il trattamento dell’infertilità e nei protocolli delle tecniche di riproduzione assistita.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Fig. 1: Ipotalamo endocrino 2. Ipotalamo endocrino Dal punto di vista anatomico, la regione ipotalamica ( Fig.1 ) è limitata anteriormente da un piano, che interseca il margine anteriore del chiasma ottico e posteriormente da un piano, che passa dietro i corpi mammillari. Meno facili da identificare sono i limiti laterali, che possono essere rappresentati dal tratto ottico, dalla capsula interna, dal globo pallido e dall’ansa peduncolaris. Superiormente l’ipotalamo non si estende al di sopra della lamina terminale della commessura anteriore. La ristretta zona dell’ipotalamo basale, immediatamente sottostante al pavimento del III

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Maurizio Fiori Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1216 click dal 27/05/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.