Skip to content

Composizione inorganica delle frazioni Pm10 e Pm2.5 prelevate in zona industriale e loro effetti sulla salute

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Sacco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Salvatore Sciacca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

L’attenzione sempre crescente della comunità scientifica sulle cosiddette “polveri atmosferiche” è ormai ampiamente giustificata da una lunga serie di studi che ne comprovano gli effetti dannosi sulla salute. Questo ha determinato la necessità di regolamentare le emissioni di particolato atmosferico con la conseguente emanazione di una serie di direttive europee e di decreti legislativi che fissano i valori limite per il Pm10.
Anche per i metalli pesanti è ormai accertata la loro tossicità per la salute umana, nonostante ciò non esiste un monitoraggio continuo di tali inquinanti i cui effetti, com’è noto, non sono da sottovalutare.
Mi riferisco agli effetti diretti sulla salute umana, ma non solo; l’immissione in atmosfera di metalli pesanti, come di qualsiasi altro inquinante, non si ferma solo ad un singolo comparto ambientale, ma entra inevitabilmente a far parte di una catena che interessa tutto l’ecosistema.
Ciò che viene minacciato è, quindi, l’intero equilibrio dell’ambiente in cui noi stessi viviamo.
Il presente studio pone l’attenzione sulla zona industriale di Augusta-Priolo-Melilli sita in provincia di Siracusa. In quest’area, dove risiedono più di 200000 abitanti, è presente una forte concentrazione di impianti industriali, in particolar modo petrolchimici, che rendono questa zona “area ad elevato rischio di crisi ambientale”.
Obiettivo principale della tesi è la determinazione delle concentrazioni di 6 metalli pesanti (cadmio, cromo, piombo, nickel, vanadio, mercurio) presenti nel materiale particellare areodisperso, più precisamente nelle frazioni Pm2,5 e Pm10 prelevate nella centralina sita in località Ogliastro, appartenente alla rete del Consorzio Industriale Protezione Ambiente (CIPA).
Ho anche monitorato le concentrazioni di polveri e verificato la loro correlazione con le direzioni dei venti.
I periodi di interesse sono quattro, uno per ogni stagione, in modo da avere un quadro completo annuale. I campioni analizzati sono, in totale, 136.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. MATERIALE PARTICELLARE AREODISPERSO: GENERALITA’ 1.1 Definizione Il materiale particellare areodisperso (MPA) è comunemente definito come una complessa miscela di sostanze organiche ed inorganiche, solide o liquide, sospese nell’aria. ( Cattani et al. 2006; Balduzzi 2003; Marconi 2003). Queste particelle sospese sono molto eterogenee poiché variano notevolmente per dimensione, composizione e origine. A differenza di altri inquinanti come O3, CO, SO2, NO2 e Pb, il materiale particolato non è un’entità chimica specifica ma una miscela proveniente da diverse sorgenti, di differenti dimensioni, composizione e proprietà (EPA 2004). Le dimensioni e le caratteristiche chimiche possono cambiare nel tempo e nello spazio e dipendono dalle sorgenti di emissione, dalla chimica atmosferica e dalle condizioni meteorologiche (WHO 2007). Ciò che emerge è quindi l’estrema variabilità del particolato che lo rende difficile da identificare. 1.2 Classificazioni delle particelle Proprio a causa della varietà di caratteristiche che contraddistingue il Materiale Particolato, è nata la necessità di adottare delle classificazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

augusta
vanadio
melilli
epidemiologia
nickel
sorgenti
cadmio
polveri atmosferiche
priolo
cromo
piombo
inquinamento
meccanismi
mercurio
pm
metalli pesanti
particolato
composizione
polo industriale
industria
salute
effetti
atmosfera
particelle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi